Archivi categoria: Illustratori

INDICE DEI NOMI E DELLE IDEE ( 2016, 2015, 2014, 2013 )

ARCHIVIO Forme 70

 (Anno 2016)

imagesB697DGYOMOSTRE – ARTISTI- AUTORI:
AMORIELLO Elena, †ARCHINTI Ettore (2, †AUSTONI Angelo , BENZONI Caterina, BORSOTTI Francesco (3), BOZZANI  G. Carlo, †BEONIO BROCCHIERI Vittorio (pittore, letterato), BRUTTOMESSO Vanda, †CARRERA Gino (2), CHINOSI Angelo (fotografo),  COLIN G. Luigi, COMIZZOLI Fabrizio(fotografo), COTUGNO Teodoro (2), CURTI Pierpaolo,  DELLA TORRE Enrico, DE LORENZI Loredana (2), DIEGOLI Mario, ‍†ESPOSTI Umberto , FEDI  Fernanda, †FRANCHI Gino, GAGLIARDI Pino (fotografo), GOLDIN Nan, †MAFFI Ugo(4), MARCHESI Franco,  MARCHITELLI Antonio (fotografo), MAZZA Antonio(fotografo) , †MARZAGALLI Paolo, †MENARDO Roberto(fotografo) , MONTICO Gigi, MORANA Simone (fotografo), MORI Paola, NINZOTTI Corrado (fotografo), †NOVELLO Beppe (pittore, scrittore) ORSINI Giuseppe (fotografo), PEDRINAZZI Maurizio (fotografo), POLONIOLI Marco (2) (fotografo), PALAZZINI Angelo, RAPETTI MOGOL Alfredo, RAZZINI Franco (fotografo) (3), ROSSONI Adriano, RUBINI Elia, TENCONI Sandra, TERZINI Pietro, VOLPI Luigi, ZOCCHI Ettore
FOTOGRAFI (Scheda segnaletica)::  BERTO Paolo (2), COLIN G. Luigi, CHINOSI Angelo, COMIZZOLI Fabrizio, GAGLIARDI Pino, GOLDIN Nan, MAZZA Antonio, MENARDO Roberto, MARCHITELLI Antonio, NINZOTTI Corrado, ORSINI Giuseppe, PEDRINAZZI Maurizio, POLONIOLI Marco 2) , RAIMONDI Antonio, †STROMILLO Pericle (poeta, pittore), †VANELLI Felice
EVENTI & COLLETTIVE:
Festival della Fotografia Etica (Lodi), Museo della Stampa e della Stampa d’Arte (Lodi), Giorni in Versi (Tavazzano), Cesaris per le Arti visive (Casalpusterlengo), Centro dell’Incisione Alzaia Naviglio Pavese (San Donato Milanese), Prismi – coll., Cesaris (, Casalpusterlengo);
LIBRI RIVISTE-RECENSIONI:
I POETI E LA CRISI ( Amedeo Anelli e Guido Oldani), †ECO Umberto (ricordo), LUCIDO E BELLO (Cesaretti Gino), BUONGIORNO ADDIO (Mennillo Francesco), PERIMETRI E distanze (Riccioni Alessandro), KAMEN’ n.48 (Ursula Le Guin, BIBLIOTECHE E ARCHIVI LODIGIANI (Mazza Antonio) LA FARAONA RIPIENA ( Oldani Guido), REALISMO TERMINALE (Oldani Guido)minale), SALOTTO LETTERARIO, (Antologia 2016), LOCUS SALARANI i n.3), IL BRADIPO,
L’OPINIONE:
La critica, inutile nascondersi, Mostre e marketing, Mostre e Blockbuster, Cinque anni di Forme 70

(Anno 2015)

CriticaMOSTRE-ARTISTI-AUTORI : ABBOZZO Edgardo, ANELLI Amedeo (3) (poeta, critico), ANGELINI Alessandra, AGNELLO Antonella, ARGENTIERO Margherita, ANSELMI Monica, AZZI Emma, BARLETTANI Massimo, BAJ Enrico, BASSI Bassano, BASSI Giacomo Massimo, BELLINI Marisa, †BAZZARELLI Eridano, BENEDETTI Arrigo ( letterato),   BERTO Paolo, BIANCHI Guido (fotografo), BIANCHI Federico (fotografo),  BELLINI Maria, BIANCHINI Luigi, BIANCHINI Pietro, BOCCARDI Sandro (poeta, musicologo), BOCCHIOLI Angelo (fotografo) BOFFI Luca (Alberonero), BONALDI Pietro, BONOMI Giancarlo,  BOSONI Angelo, BRACCHI Tino, BRUNELLI G. Piero, BRUSON Francesco (fotografo), BUTTABONI Riccardo,  CALIA Tindaro (2), CARRA’ Luca (fotografo), CARTIER-BRESSON Henry (fotografo), CASORATI Felice, CAZZULANI Cesare, CERRATO Annita (narratrice), CERRETTI Mino,  CHARTA (casa editrice), CHINOSI Angelo (fotografo), CITERNI Liliana  CONFALONIERI Franco (fotografo), COTUGNO Teodoro (3), †ESPOSTI Umberto,  EX-LIBRIS, DE LORENZI Loredana, DE SIMONE Antonio (fotografo) DE ZAN Guido, DI BENEDETTO Tina, FRANZINI Carlo, FARAONE Giuseppe, FERRARI Agostino, FERRI Oliviero (fotografo), FONTALBA Luisa, FORMAGGIO Dino, GALLOTTA Bruno (2), †GIARELLI Francesco, GIRARDINI Annarosa (narratrice), GIPPONI Tino (critico, collezionista, scrittore),  GNOCCHI Alberigo, GORLA Daniela, GUERCILENA Mariolina, HOKUSAI Katsuhika,  KALOSF, KAMEN’ n. 48, KIKOKO, LECCA Sandro (Fotografo), LODIGIANI Francesco M.,  LOI Franco (poeta), LONGARETTI Trento, MACADAN Eliza (poetessa), MAIETTI Andrea (scrittore), MAESTRONI Paola, †MANZONI Piero (2), MARCHESCHI Daniela (2), MARCHESI Franco, †MAIORCA Giulio, MAROTTA Maurizio, MARTINELLI Giò,  †MARZAGALLI Paolo, †MAURI Giuliano (2), MAZZA Antonio (fotografo), MENARDO Roberto (fotografo), MENNILLO Francesco (poeta), MONTEMEZZANI Liviana, MONTICO Gigi (2), MORANA Simone,  M†ORANTE Elsa (scrittrice), MORI Paola, MOROSINI Anna, MULAS Maria (fotografa), MUNARI Cinzia, NEGRI Tonino, NEGRI Stefania (poetessa),NOORDA Bob, NOVELLO Giuseppe, (2), OCCHIATO Simone, OLDANI Guido, ORSINI Giuseppe (fotografo), PALAZZINI Angelo, PANELLI Marilena (3), PIN Li, PIZARNIK Alejandra ( poetessa), POLETTI Luigi, PRAVETTONI Davide (fotografo), PRINELLI Gabriele (scrittore), PENTAGRAMMATICI, RAZZINI Franco (fotografo), RICCIONI Alessandro (poeta), PERUGIA Franco, PETRO’ Paolo, PRUONTO Dario, PEZZOTTI Gianluigi, PICCINNI Serena, PISATI Angelo,  †REBORA Clemente (poeta), REDONDI Pietro (fotografo), REGAZZONI Domenica, RIMI Margherita (poetessa), ROSSETTI Brigitta,  ROSSON Adriano, SBARUFFATI Simone, SCAMUZZA Gabriele (scrittore, critico), †SCIARDELLI Franco (stampatore), SECCHI Pino (fotografo), SERNAGLIA Rino, SCHROED David ( fotografo), STEINER Albe, TONELLI Antonio (2), †TREGAMBE Girolamo, TORUN Yener (fotografo), VAILATI Gabriele (2), VALENTINAKI,  †VERTIBILE Enzo, †VIGANO’ Silvia, ZANONI Paolo (fotografo).
LIBRI-RIVISTE- RECENSIONI: KAMEN’ n.46, KAMEN n,47, HOKUSAI (Gallotta Bruno), ERA FARSI ( Margherita Rimi), IL NOVECENTO vol. primo (Amedeo Anelli e Guido Oldani ), LA VERIDICA STORIA DI M. COSWAY (Tino Gipponi), BUONGIORNO ADDIO (Francesco Mennillo), BIBLIOTECHE E ARCHIVI LODIGIANI (Antonio Mazza), PERIMETRI e DISTANZE (Alessandro Riccioni), LA GUERRA E’ BELLA MA… (Paolo Monelli e Beppe Novello), LA FOLLIA DI DELIA  (Annarosa Girardini), IL SAMMARTINO (Anita Cerrato), 42 VOCI PER LA PACE (Sandro Boccardi, Amedeo Anelli), IL SALOTTO LETTERARIO DI LODI (Antologia n.3); POETI PORTOGHESI E LUSOFONI (Kamen’), LA VERIDICA STORIA DI MARIA COSWAY (Tino Gipponi),  MILANO CITTA’ EFFIMERA ( Pietro Redondi e Franco Confalonieri), ANESTESIA DELLE NEVI (Eliza Macadan), HO IL TEATRO NEL CUORE (Federico Leone Bonfanti), CONFIDENZE SUL FAR DELLA SERA (Andrea Maietti), MANIFESTO PER IL FUTURISMO STATICO (Enrico Baj). OSCILLAZIONI (Negri Stefania). IL DESIDERIO DELLA PAROLA (Alejandra Pizarnik), IL MISTERO DI MARIGNANO (Gabriele Prinelli), DUE DIMENSIONI (Albe Steiner).
L’OPINIONE : La scatola nera delle stronzate; Condizione giovanile, le parole che contano e le parole che mancano; Leggere la crisi della ceramica lodigiana; Contro la comunicazione nella critica d’arte; Un catalogo senza sale; Menomale c’era il precario di Soncino; Contro il terrorismo e la libertà di stampa; Formesettanta:4 anni di approfondimenti in rete.

(Anno 2014)

ARTE CRITICA imagesARTISTI, AUTORI, MOSTRE:  AAArt (collettivo), †ABBOZZO Edgardo (4), ALFANO Roberto (3),  AMMANNITI Nicolò (narratore), ANELLI Amedeo (5), ANGELINI Alessandra, ANSELMI Monica (3), ARGENTIERO Margherira (2), ARMIGERO Luca (2), BACIOCCHI Maura, BAJ Enrico(2), BALDI Andrea, BALDI Mattia, †BELLINZONI Giovanni (gallerista), BELO’ Flavia (2) ,  BELOLI Marco, BERNAZZANI Ornella (scultrice), BERTONI Davide, BESTIARIO DI ABERDEEM (collettiva), BIANCHI Guido (2) (fotografo), BIANCHINI Luigi (2), †BIGNAMI Osvaldo, BOCCARDI Sandro (poeta), BOFFI Luca,  BONAFINI Marco, BONI Aldo, BORGONOVO Angelo, BRACCHITTA Sandro, †BRAMBILLA Federico,  CALABRO’ Vico ( srittore),   CALIA Tindaro, CAOTICA (collettiva), CARTE D’ARTE (XVI), CARTELLA per un amico (VIII),  CASALI Giorgio (fotografo), CAVALLO Luigi, CESARI Andrea (3), CIUSANI Valentino, CORNALBA Luisa, CORVI Lele (illustratore), COSTA Goffredo,  COTUGNO Teodoro (6). DALLARA Tony, DE BERNARDI Franco (2), DE LORENZI Loredana  DELLA CHIESA Giovanni, †DELLA CHIESA Matteo, ELLIOT Hervitt (fotografo), , ESPOSTI Umberto, FAYER Carlo, FEDI Fernanda (2),  FERRARI G. Mario, FRATTI Carlo, “GALLERIA LA CORNICE”, GASPAROTTO Carlos Marcos, GIACCHERI Paolo Francesco, GIANOTTI Franco, GINI Gino (2),  GIOVANNINI Romeo (poeta),  GORLA Daniela, GRIGNANI Roberto (fotografo), HONCKNEY David, II CONCORSO DI XILOGRAFIA LODI, IV CONVEGNO INT. STUDI SULL’UMORISMO, IV PREMIO NAZ. GINO CARRERA,   †LANZANI, † LEGNANINO, “LIFE”, collettiva, LODIFACERAMICA IX EDIZIONE collettiva, “IN HOC SIGNO…” (collettiva), MANGIONE Domenico (2), MARCHITELLI Antonio (fotografo),  MUGGERI Albero (fotografo), MULAS Maria (fotografa),  KIKOTO,  MADDALENA Sandro (fotografo),MAECART Expo 2014 (collettiva),  †MAFFI Ugo (2), MARCHESCHI Daniela (critico, scrittrice),  †MARCHINI Vitaliano (scultore), MARICONTI Andrea, MARINI Claudia (2),   MARTINENGHI Alberto (fotografo), MARUBBI Mario,  †MARZAGALLI Paolo, MENARDO Roberto (fotografo), MILANESI Aldo (scrittore), MINETTI Giovanni (ceramista),  MINOJA Oreste, MONTEMEZZANI Mattia, MONTICO Gigi, †MORENA Alberico, MUGGIAINA Davide,   NEGRI Paolo (fotografo),  OCCARI Carolina Marita, NEGRI Tonino (ceramista), “NUOVE GENERAZIONI DI ARTISTI LODIGIANI”,  “OLDRADO DA PONTE “, ORNAGHI Clara, PAGLIA Canille (critica), PALADINO Mimmo, PALAZZINI Angelo, PALLAVERA Ferruccio (storico, scrittore), PASSERINI  PERMANENTE (la) cerca il rilancio,   PERONI Miriam, PEZZOTTI Giangi,  PICCOLO MUSEO DELLA POESIA, PISATI Angelo (ceramista) (2),  †PODINI GARBELLI Gabriella, POLONIOLI Marco (Fotografo), †PONTIGGIA Giuseppe (scrittore), PRAVETTONI Davide (fotografo), PRINA Alberto (fotografo), RAZZINI Franco ( fotografo), RISSET Jacqueline (fotografa),  “PREMIO NOVELLO” (2), KIKOTO, ), PUGLIA Domenico (fotografo), RAZZINI Franco (fotografo), ROSSONI Adriano, SAMBUSIDA Giuseppe (architetto),  †SASSU Aligi, SATOLLI Emanuele (fotografo), SECCHI Giuseppe (fotografo) (2), †SCURI Enrico, SILVA Giov anna (fotografa), SIMONETTA Marcello (4), SUZZANI Enrico (2),  STAGNO CHICCO Maria,  †TARQUINIO, Sergio, , TELLI Laura (fotografa), TERZINI Pietro (2), TBR 6326 (collettiva), TIMONCINI Luigi, UGGE’ Marco  †UGGERI Mario (illustratore), UPIGLIO Giorgio (stampatore), †VACCARINI Bassano, VACCARO Vito, VAILATI Vittorio, VANELLI Felice (2), VANELLI Sirio (fotografo),  VARALLI Olga (scultrice), VERNA Gianni, VOLPE Daniele (fotografo), WAEHOL Andy, WORL REPORT AWARD IV,  PREMIO (XXVIII)  POESIA MONTANO, GIORNATA (10a) DEL CONTEMPORANEO, †SCAPIN Giancarlo (ceramista),  †SEGALINI Piero, †VOLPI Luigi, XERRA William, ZANONI Paolo (fotografo), L’OPINIONE: FORMESETTANA, tre anni di approfondimenti; Tutti giù per terra, , Come rieducare al gusto i ragazzi; Repetita iuvant. A proposito di marchette e stroncature;
LIBRI RIVISTE RECENSIONI: ♦IL DUOMO DI LODI DAL BAROCCO AL ROMANICO  (Ferruccio Pallavera)
 ; ♦LODI, PIAZZA MAGGIORE E DUOMO (Teodoro Cotugno); ♦UN CATALOGO CHE RIMETTE IN FORMA (Rino Sernaglia), ♦123 POESIE ( Pietro Terzini  ), ♦SANT-ALBERTO VESCOVO  (Igino Passerini), ♦PSICOLOGIA INVOLUTIVA (Roberto Alfano), ♦I MIRACOLI DELL’INCORONATA (Antonio Mazza), ♦LA CATTEDRALE DI LODI (Giuseppe Sambusida), ♦ABDUA COERULUS (Mario Marubbi), ♦KAMEN’ n.45 Sez. Poesia, (Giuseppe Pontiggia), ♦ANTEREM n.88, DIARI PARALLELI (Luigi Cavallo Luigi, Marcello  Simonetta),  ♦SEDUCENTI IMMAGINI ( Camille Paglia), ♦GRAFICA D’ARTE n.96, ♦UN GUERRIERO IN FILIGRANA (Edgardo Abbozzo), ♦STORIA DE CASAL e ♦COLGO L’OCCASIONE… (Aldo Milanesi).

(Anno 2013)

CriticartARTISTI-AUTORI-MOSTRE : ABATE Claudi (fotografo), ANELLI Amedeo (5), AMORIELLO Elena, ARTE CORTINA (collettiva), ARTE PSICHICA, ARTIST’S Book (collettiva), ASTI Giuseppe (art.ferro), ANGELINI Alessandra, BAGNOLI Riccardo (fotografo), BARBIERI Federico, †BASILICO Gabriele (fotografo) (2), BELLANI Giovanni Giuseppe, BELLINI Maria, BELLOCCHIO Daniele ( reporter), BELO’ Flavia, BENZONI Caterina (ceramista) (2), †BERTARELLI Achille (collezionista), BERTONI Davide,  BESTIARIO – 15 italiani a Venezia (collettiva), BEVILACQUA Elisabetta, BIANCHESSI Peppo,  BIANCHI Guido (fotografo), BIANCHINI Luigi, BIDOLI Alessio (musicista), BIENNALE Venezia, 55a (2), BIENNALE d’arte Lodi, 4a (3)  †BO Carlo (letterato) , BOCCHIOLI Angelo (fotografo), BODONI Giambattista, †BONALUMI Agostino, BORELLA Pasqualino (fotografo), BOSSAGLIA Rossana (critico), BOTTONI Angelo, BRAGA Alessandro (scrittore), BRUTTOMESSO Vanda, CALABRESE Adamo, CAMPO GRAFICO (collettiva), CARELLI Roberto (fotografo),   †CARRERA Flavio (3),  †CARRERA Gino (2), CASAIDEA Tavazzano, CESANA Carlo Ottavio (fotografo), CHANDRINKAEGO (fotografa), CHAR René, CINQUANTA Adam (2), CIRIELLO Raffaele, COTUGNO Teodoro (4), CORTINA Renzo (collettiva), COVER STORY (collettiva), †CRIPPA Roberto, CROCE Ivan, CUNEAZ Giuliana, †DEGAS Edgard, ECO Umberto (massmediologo),  †ELENA Giuseppe, FAVARO Giovanni, FEDI Fernanda (2), FERRARI Gian Mario, FERRI Oliviero ( fotografo), FESTIVAL FOTOGRAFIA ETICA (collettiva), FIORI Salvatore (scultore), FOTOGRAFIA ASTRATTA in Italia, †FRANCHI Gino (ceramista, scultore), GANDINI Nadia, GATTI Vincenzo, ,  GHILARDI Elena (2), GIPPONI Tino (critico), GLASS HUS (collettiva),  GRECCHI Gabriele, GONG (collettiva), GRUPPO OTTANTA (collettiva),  HANNOND Robib (fotografo), HANSEN Fritz (architetto), HOCHSCHEID Oda( musicista), ISTANTANEA (L’), XX (collettiva), KAMEN’ n.43, LIUTERIA ROMANTICA CASAIDEA,  LODIGIANI XXI SECOLO (collettiva), LONGARETTI Trento, MAFFI Ugo (2), MALOBERTI Marcello, MANCA Pier Antonio (2), MANZONI Piero, MARCHESCHI Daniela (2),  MARCHETTI Paolo (fotografo), MARCHITELLI Antonio (fotografo) (3), MARICONTI Andrea, MILAN IMAGE ART FAIR (collettiva) MATTIONI Sabrina, MISSIERI Bruno, †MONICO Angelo, MONTICO Gigi, MIZU Tomoko, MOLTENI ZANESSI Barbara (fotografa), NATURARTE 2013, NEGRI Marco, NISSEN Mads (fotografo), NOVELLO Beppe, OLDANI Guido (poeta), OLDRADO DA PONTE (collettiva), ORSINI Giuseppe (fotografo),  PADIGLIONE TIBET (collettiva), PALAZZINI Angelo, PALLAVERA Antonio (fotografo), PELIZZARI Valerio (scrittore), PENTAGRAMMATICI (collettiva),  PICCOLO PRESIDIO POETICO, PILON Valerio,  POLETTI Luigi, PONTIGGIA Giuseppe (scrittore, poeta) (2), PORCELLI Vittorio (illustratore), PINTO Roberto, PREMIO Celeste X ed., PREMIO Shanghai II ed., PREMIO CARRERA Gino Iv ed., PREMIO Brambati, REGAZZONI Domenica (3), RIMI Margherita (poetessa), ROSSON Adriano, ROTONDO Carlo (fotografo), RUBINI Ilia, SALONE DEL LIBRO, ed. XXVI, SABBADIN Elda Aida, SCAPIN Giancarlo (ceramista), SCHIAVO Leonardo, SECCHI Pino (fotografo), SERNAGLIA Rino, SEMINA VERVI X ed., SIDOLI Sante, SIMONETTA Marcello (3), SOFFIANTINI Cesare,  STISTON Brent (fotografo),SUZZANI Enrico,  SYRINX ed 3 (collettiva) ,TIMONCINI Luigi (2),    TOMASI Fulvio, TRESOLDI Franchina, TRIPLA A (collettiva), UPIGLIO Giorgio (stampatore), VALLA Riccardo (fotografo), VOLPI Luigi, VIGNETTISTI tra satira e ironia (collettiva), WEREMEENCO Bruna,

LIBRI RECENSITI 2013

♦ Mondi di Marco Negri
Il falò delle novità di Stefano Bartezzaghi
Destino a sorpresa di Daniela Marcheschi
In Battaglia. Quando l’uva è matura di Valerio Pelizzani
♦ 
Esposizione di Stefani Zaliani
♦ Quattro pittori per un poeta,  trad. Luigi Cavallo
Scritti sull’Arte di Remo Pagnanelli
♦ 100+1 libri d’artista a c. di Fernanda Fedi e Guido Guidi
Il rottamario. Quasi un anno di vignette di Alessandro Colonna
♦ Chiese e oratori di campagna a Tavazzano di Gabriele Prinelli
Arie da concerto di Alberto Raimondi
Storia delle abbazie tra Chiaravalle e il Po lungo l’Adda di Antonio Mazzi e Ferruccio Pallavera.

 

L’OPINIONE / Interventi:

Politica culturale e territorio; Il ruolo delle mostre oggi; XXVI Salone del Libro di Torino: Il rapporto arte-impresa; ; Lettera ai lettori di Formesettanta; L’obbligo di stare al gioco; Dove va l’arte attualista?; Umberto Eco: lezioni di bibliofilia; Fiere dell’arte e la dimensione commerciale; Artigianato artistico, risorsa dimenticata; La cultura e la veduta corta degli enti locali; La crisi del libro e della lettura; La Biennale d’Arte di Lodi; Cataloghi d’arte, un ponte tra l’artista e il fruitore?; Il ruolo della cultura e i menestrelli dei mercati culturali;La ricetta delle mostre collettive;Teatri e vita teatrale a Lodi

 

 

 

 

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

RICORDO DI MARIO UGGERI, MAESTRO DEL GENERE LETTERARIO NEL FUMETTO ITALIANO

 images

Dieci anni fa moriva a Merate nel lecchese dove si era trasferito, Mario Uggeri, uno degli illustratori-fumettisti italiani di maggior prestigio. Attività che aveva lasciato negli anni Ottanta per dedicarsi interamente alla pittura. Lodigiano puro sangue – di coloro che non esitavano a correggere chi gli attribuiva radici lecchesi -, Uggeri era nato a Codogno, città che come tutte le altre dell’Alaudense fa sempre grande fatica a ricordare i suoi figli migliori. Non sempre, non tutti, ma quasi. Anche a qjuelli che gli ha concesso la “cittadinanza onoraria” . Nato nel ’24, Uggeri aveva lavorato al Corriere dei Piccoli e al Corriere dei Ragazzi, si era fatto apprezzare per le collaborazioni con Gian Luigi Bonelli e per avere legato la propria firma a Tex Willer. Aveva collaborato con le Edizioni Audace realizzando tra l’altro Ipnos, Red Carson e Yuma Kid e con l’Editrice Universo per la quale aveva inventato Rocky Rider. Infine, aveva prestato la mano di disegnatore alla Domenica del Corriere. Nel 2001, in occasione del cinquant’anni di attività disegnativa, Merate gli dedicò una antologica. Bruciò sul tempo, o suggerì, l’anno dopo, alla Provincia di Lodi e al Comune di Codogno, di accodarsi, in coincidenza con quella che gli veniva dedicata dalla città di Milano. A dieci anni dalla morte, avrebbe meritato d’essere non solo ricordato, ma approfondito, per gli elementi del suo linguaggio autonomo, comunicativo e originale, per il messaggio di intelligenza, immaginazione, creatività e gusto estetico. E’ stato un “artista”Uggeri e Tex battaglia-2che poneva di fronte a un genere diverso, sia quando realizzava le copertine della Domenica del Corriere, sia nei disegni di Tommy River, sia nelle collaborazioni con Mino Milani. Vignettista, disegnatore, ritrattista e pittore, gli va decisamente riconosciuto di avere contributo alla affermazione in Italia del fumetto come “genere letterario”, facendogli assumere una posizione non parassitaria rispetto agli altri fenomeni artistico-espressivi. Con prepotente effusione del visivo, il lodigiano è stato autore di curatissime inquadrature di gusto particolare, in cui si apprezzava l’immediatezza comunicativa, l’annotazione ambientale, i particolari veristici, la fusione tra i dettagli visivi e l’essenzialità del parlato. Oggi è facile, più di quanto non sia stato ieri, riconoscere alla grafica d’illustrazione codici estetici.. Uggeri cercava soluzioni stilistiche mutuandole da altri generi, integrandole in un contesto di rappresentazione originale. A ragione egli va considerato un maestro di stilizzazione naturalistica, dove però l’allusivo non rinuncia ad essere imitativo; dove elementi originali si intrecciano agli elementi standardizzati e la forza comunicativa dei personaggi con le funzioni del montaggio.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

ALDO BONI, AL LATO ESTREMO DEL POP

Aldo Boni, illustratore

Aldo Boni, illustratore

Siamo al lato estremo del pop. Ma il baricentro, – il “core”, appunto – usato non poeticamente ma come riaffermazione dello specifico popolare in Aldo Boni ondeggia tra il comic strips (il fumetto) e il graffito, tra il foglio di disegno e il muro, tra il desiderio di esperienze qualificate e il messaggio di consumo visivo. Lodigiano, trentacinquenne, formazione underground, corsi di ceramica a Lodi e di fumetto a Milano, ha fatto parte del gruppo di “Popcore”, una formazione eterogenea, un drappello di giovani che dichiarava una aspirazione: mettere insieme cultura pop e Pulp Fiction per cucinare e servire qualcosa di diverso.

Il fumetto è a pieno diritto, da mezzo secolo, nelle forme della comunicazione artistica. Le sue tecniche (insieme ad altri aspetti della low art) hanno offerto ricco materiale iconico alla pop art. Oggi ha una reputazione autonoma, non inferiore a quella di cui godono la pittura, la pubblicità, i graffiti, la video art ecc. Funziona secondo le meccaniche della persuasione occulta, suppone nel fruitore un atteggiamento di simpatia e di evasione.

Boni ribadisce l’ immagine ludica di quando disegnava lineamenti sulle moto degli amici. I “tipi” da lui creati sono un prodotto da officina, ma posseggono anche una loro carica di poesia. Sotto le simpatiche mostruose riduzioni infantili. sono tipi capaci di naturalezza e genuinità, Non sono uno strumento malizioso per contrabbandare problemi, sono un atto continuo e fedele di ricerca di affinità e di feeling col fruitore.

ALDO BONI: "Where is Bill?", acrilico su tela, 10x30 cm.

ALDO BONI: “Where is Bill?”, acrilico su tela, 10×30 cm.

Il disegnatore costringe a parlare del fumetto, se non altro perché gli elementi semantici, la grammatica dell’inquadratura, la prepotente visione del visivo e il ricorso iconografico sono quelli del fumetto. Anche se lui non impiega termini linguistici e l’articolato non è tra parola e immagine, ma tra l’ immagine e il montaggio. Le componenti formali che danno struttura al plot, all’intreccio, sono rappresentati da un continuum addizionale di forme squadrate, di colori decisi, di acutezze esasperate negli angoli, di prospettive ripetute e insistite in chiave vagamente neocubista. Anche il richiamo ai graffiti non è una impertinenza. Nel complesso l’artista rivela una capacità disegnativa strutturata; una attenzione accorta alla tecnica comunicativa con codici che puntano direttamente all’immaginazione e alla curiosità del fruitore. Nei suoi lavori non si dispiega una qualche ideologia. Anzi, in essi sembra s’incarnarsi un modello tutto sommato conformistico, benché non manchino quasi mai richiami alla protesta, all’opposizione, alla provocazione o a profili di comportamento sociale.

Dice Aldo Boni di disegnare per trovare un “equilibrio nelle forme e nei colori”. “Per disegnare e basta”. Una dichiarazione che lascia supporre un atteggiamento di distacco e di evasione. Con queste affermazioni pone a debita distanza sia la problematica estetica, sia la problematica ideologica. Delimitando l’interesse alle strutture formali, agli stimoli individuali, sembra voler prescindere dalle amplificazioni culturali, di contenuto. Ma lavora pur sempre sull’esistenza di una koinè. Ricorre a convenzioni, standard, codici, prototipi. Prima o poi, è inevitabile, finirà per esplicitare con che cosa essi si identificano.

 

 

.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

LELE CORVI. VIGNETTE QUOTIDIANE PER INDAGARE IL SENSO QUOTIDIANO

DSC08352Sarebbe un abbaglio scambiare la mostra di Lele Corvi al Cesaris di Casalpusterlengo per uno sfoggio di snobismo o di mestiere, di quelle cui ci hanno abituato illustratori e pittori del nostro tempo.
Con una selezione di immagini e nuvolette, fatte di omini anonimi che animano la scena, l’iniziativa fa onore ai venti anni di attività del disegnatore codognese e fornisce chiarezza al ruolo del vignettista oggi; ovvero di chi affida alla matita (al pennarello, alla penna, alla china, all’incisione, alla tavoletta grafica ecc.) osservazioni in chiave non esclusivamente di divertimento attorno a fatti, misfatti, empietà, dichiarazioni quotidiane…
“Vignetta” è un termine tecnico del fumetto, dove tutto si risolve in una inquadratura sola. Negli ultimi decenni anche la vignetta come l’illustrazione si è evoluta in un genere, tanto che al punto attuale non fatica a tenere distinta ironia a satira.
Obiettivo di un vignettista, non è più semplicemente la canzonatura o la caricatura, è la critica.  La satira non è più semplice espressione ironica o scherzosa, anche se sono molti i vignettisti che si prestano alle forme di comicità amena, arguta, spiritosa. Corvi non è comunque di questi. O almeno a noi non pare, benché talvolta non vi rinunci.
L’umorismo è una componente del suo linguaggio, ma la capacità d’analisi lo obbliga a praticare tutt’altro genere; ad andare al di là delle semplici frecciatine e punzecchiatura. A procurare con le sue nuvolette fastidio. Senza farlo in modo spregiudicato o grottesco.
Le sue vignette, come dimostra questa mostra casalese,  sollecitano la risata, ma ancor più stimolano idee e giudizi. E questo che lo distingue da altri. I suoi interventi sul Corriere, il Cittadino, Il Corriere Artigiano hanno il timbro dell’ironia. Ma Corvi non si ferma ad essa. L’ironia è bonaria. Il suo fine è far ridere. E’ situazionale. Deforma consegnandola all’enfasi non alla critica. Come sosteneva Pontiggia, è una forma retorica. Corvi va oltre, non si ferma all’effetto, manifesta la propria intenzione di contrasto, di polemica. L’andare controcorrente.
Lo stile è consacrato: due personaggi senza volto che dialogano, l’uno che pone il problema, l’altro che fornisce osservazioni critiche su fatti, misfatti, empietà o solo dichiarazioni, e che vivacizzano il  Crow’s Village.
In molti vignettisti è evidente il bisogno di caricare, deformare, andare oltre alle intenzioni altrui per una propria personale volontà di schierarsi e di polemizzare. Non esitano a spogliare gli sventurati presi di mira d’ogni qualità, virtù e ragione. Soprattutto nelle vignette di satira politica, c’è sempre, diceva il surrealista Edward Gorey, una “sottile crudeltà”. In Corvi la polemica può essere severa, mai spietata. La sua satira, proprio perché punta a canzonare, irridere, schernire e  incidere, non si avvale del paradossale. Dovendo affrontare un universo di situazioni come quelle quotidiane, se rinunciasse all’imparzialità, rinuncerebbe a sé stessa. Sa però nascondere bene l’uso strumentale. Tutto sommato, solo raramente si concede a qualche “crudeltà”.
Quel che mostra è uno stile spontaneo, espansivo e nello stesso tempo misurato La sua ironia è pungente, saporita senza essere troppo pepata. Sa bene Corvi come rigirare il coltello nelle piaghe, fermandosi alla nota simpatica, a un sarcasmo canzonatorio e rivelatore. Ma non rinuncia mai  all’analisi (politica, sociale, etica, sportiva e di costume). Dal quotidiano coglie l’ eterodossia dei fatti. A modo suo è un saggista che fa sintesi coi suoi omini: rivelando, denunciando ciò che sta dietro, prendendo in giro e divertendo fornisce nei disegni il senso del rapporto della società e degli individui col mondo.

Contrassegnato da tag

LELE CORVI, VENTI ANNI DI IRONIA

DISEGNO CorviAll’interno della dodicesima edizione del ciclo “Cesaris per le Arti Visive” a cura di Amedeo Anelli è in corso a Casalpusterlengo  la mostra Lele Corvi: “1994-2014 – 20 anni disegnati”La personale del vignettista lodigiano visibile anche dal ‘pubblico fino al prossimo 12 marzo si inserisce nel programma espositivo per il mezzo secolo dell’Istituto di cui è stato allievo. In data ancora da destinare è in programma un incontro con l’autore sul proprio percorso creativo e sulle tematiche del disegno umoristico.
Lele Corvi è nato a Codogno nel 1964. Dopo una laurea in Scienze Naturali si è dedicato esclusivamente al disegno umoristico. Ha collaborato con: Gazzetta dello Sport,  Mamma (Periodico di Satira), Emme (Inserto satirico de L’Unità), Paparazzin (Inserto satirico di Liberazione), La Gaggetta e Unione Satira (Inserti satirici dell’Unione Sarda),  Parcondicio (mensile di satira), Mente e  cervello rivista di psicologia e neuroscienze, Le Scienze, Agenda Scarcerando.
Attualmente pubblica le proprie vignette e strisce quotidianamente sulla prima pagina di  Milano/Lombardia del Corriere della sera; su Il Cittadino è presente con illustrazioni di satira politica e sociale; in Agenda Comix  con disegni satirici e umoristici. Oltre che su quotidiani e settimanali on line  i suoi interventi sono presenti in numerose pubblicazioni settoriali. Corvi realizza soluzione grafiche per aziende e per privati. Oltre ad altri numerosi inserti, giornali di settore e siti web. Il vignettista lodigiano ha dato vita a ben dodici libri di satira e umorismo e partecipato numerose pubblicazioni collettive. È presente in decine di cataloghi di mostre e concorsi nazionali e internazionali. Alcune sue strisce e tavole fanno parte della “Raccolta pubblica sul fumetto, disegno d’animazione e illustrazione” del Museo Civico di Modena. L’illustratore codognese è stato direttore della sesta e  settima edizione del Premio Novello, concorso Internazionale di satira di costume, e nel 2008 ha figurato tra i giovani talenti italiani della selezione promossa da Young Blood.
Numerosi i  premi ottenuti nel corso della carriera. Tra i maggiori si segnalano:  2013 Humour a Gallarate – Premio Cava – menzione premio Cava “Per bellezza del contenuto umoristico, satirico o caricaturale con la massima essenzialità dell’esecuzione grafica”; 2008 Napoli Comicon – Migliore Blog e WobComic assegnato al Crow’s Village (Premio Attilio Micheluzzi); 2006 Concorso Eurohumor – Nella sezione “dalla lanterna al nucleare” è stato votato per la sezione di computer grafica; 2005 Festival internazionale cinema d’animazione e fumetto  ( Premio Dervio per il miglior fumetto in assoluto; 2005 Festival internazionale cinema d’animazione e fumetto  ( Premio Dervio per  soggetto e sceneggiatura); 2004 A travers l’europe – 3°concorso internazionale Ucraina/Francia ( Premio speciale sul tema La libertà e i suoi limiti); 2003 Olio di Satira – Vinovo  (Primo Premio per la satira); 2002 Concorso nazionale In Vino Veritas Siena ( Primo premio); 2002 Festival Acquaviva nei fumetti (Primo Premio Un Mondo di Pinocchio per la satira; 2002 Concorso per caricature ed umorismo Rido-Magno (Primo premio assoluto)

Contrassegnato da tag

VIGNETTISTI tra satira e ironia, disegno e nuove tecnologie

Lele Corvi

Lele Corvi

Alla location di CasaIdea Architettura-Arredamento-Antiquariato di Tavazzano (g.c. dalla famiglia Acerbi)  e alla Biblioteca comunale è in preparazione per  maggio una esposizione dei lavori finalisti del VI Premio Novello. La proposta espositiva, frutto della sinergia pubblico e privato, è rivolta a dare un supplemento di visibilità al concorso codognese attraverso una ottantina di “commenti figurativi” e “comico-umoristici”. L’ iniziativa nasce dalla collaborazione dei Comuni di Tavazzano e di Codogno con il patrocinio della Provincia e si avvale della collaborazione della commissione Cultura, degli Amici del Nebiolo e, per la selezione delle opere,di Amedeo Anelli e Lele Corvi che in occasione dell’inaugurazione  racconteranno  contenuti e finalità della mostra.

 Secondo Amedeo Anelli, direttore del Premio Novello, il disegno umoristico oggi è il termine “di una percezione limitata, sequenziale, multipla e ripetitiva”. Nella pratica si ricorre sempre più largamente alla “tecnologia” e meno alla “percezione immediata”. A questa osservazione relativa alla struttura tecnica dei lavori, possiamo aggiungerne una seconda: le vignette sembrano offrirsi a una sovrapposizione di distinzioni tra satira, ironia e  altri generi della famiglia umoristica.
La satira è un genere che nasce dal teatro, dove le battute sono la regola. Lo stesso è per le vignette satiriche e umoristiche che prendono di mira personaggi, ambienti, costume e che  mettono insieme la caricatura e la battuta.
Nell’ultimo mezzo secolo però la satira si è andata evolvendo  in un genere distinto  dall’ironia.  Obiettivo della satira, non è più la canzonatura o la caricatura, è la critica.  Oggi la satira non è più una semplice espressione ironica o scherzosa. Questo compito è lasciato alla comicità, alla quale si chiede appunto d’essere amena, arguta, spiritosa. Anche se l’umorismo resta sempre una componente della satira, il genere richiede di andare al di là della semplice frecciatina o della punzecchiatura. La satira deve saper dare fastidio. Essere spregiudicata, praticare il vademecum del grottesco. Spetta alla satira sollecitare, attraverso la risata, idee e giudizi. Essa è cosa diversa dallo scherno e dall’ironia. L’ironia è più bonaria. Suo fine è far ridere. E’ situazionale. Deforma, ma lo fa consegnandola all’enfasi non alla critica. In realtà è una forma retorica. Giuseppe Pontiggia (Prima persona, 2002) sosteneva che l’ironia “più che un effetto riuscito è una intenzione mancata”.
Tavazzano si accinge dunque a mettere sotto la lente d’ingrandimento una ottantina di lavori in grado di strappare risate e, nello stesso tempo, riflessioni. In particolare saranno i lavori di  Vladimir Kazanevsky (“Social stupidity”), Valeriu Kurtu (“Bank”), Stefano Tartarotti (“Porta a porta”), Pier Paolo Pierazzoli (“Del Sacro”), Guido Clericetti (“Censito”), Adamo Calabrese (“Censimento della mia biblioteca”), Nicola Listes (“Odissea nello spazio”)), Gianfranco Uber (“Nuove identità”) a suggerirle.

Premio internaz. di Umorismo e Satira di costume: dal 12 al 26 maggio 2013 – inaugurazione sabato 11 maggio 2013 alle 17 presso CasaIdea. Orari: Biblioteca Comunale di Tavazzano, Martedì dalle 15,30 alle 19,00 – Mercoledì dalle 9,00 alle 12,00 e dalle 14,30 alle 19,00 – Giovedì dalle 15,30 alle 19,00 – Sabato dalle 10,00 alle 12,00 – domenica 12, in occasione della Fiera di Primavera: 10 ÷ 12 e 15 ÷ 19; Spazio espositivo CasaIdea , da martedì a sabato dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 16,00 alle 19,00 – Domenica dalle 16,00 alle 19,00 – domenica 12, in occasione della Fieraa di Primavera: 10 ÷ 12 e 15 ÷ 19
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

ALESSANDRO COLONNA, la politica con ironia

aleIl mondo della vignetta umoristica (di politica, di costume, di cronaca, d’ambiente, di carattere ecc.) è ormai un mondo ultrasecolare, che annovera autori di notevole fama. Basta ricordare Vauro, Giannelli, Altan, Forattini, Rolli, Bucchi, Angese, eccetera. Forte dei Marmi è il teatro di questo genere espressivo,  ogni anno presenta uno special straordinario. Vignettisti non mancano al lodigiano: l’ormai celebratissimo Lele Corvi, Giampiero Brunelli, Vittorio Porcelli, Alessandro Colonna. Sul Cittadino e in mostre appare poi con gustosissimi disegni ormai periodicamente anche Adamo Calabrese, che però non sceneggia e non fa caricatura, ma illustra e a volte lo fa con vena sarcastica, mai sprezzante e mai amara. Semplicemente divertita .
La vignetta è un termine tecnico del fumetto, dove tutto si risolve in una inquadratura sola. Di solito si sospetta il vignettista umoristico o che fa satira d’essere un tipo strano. Che affida alla matita sue osservazioni critiche circa fatti, misfatti, empietà o anche solo dichiarazioni. In molti vignettisti è evidente il bisogno di caricare, deformare, di andare oltre alle intenzioni altrui per una propria personale volontà di schierarsi e di polemizzare. Facendolo non esitano a spogliare gli sventurati sotto la loro attenzione, ai quali tolgono ogni eventuale merito, qualità, virtù e ragione. Nella satira, soprattutto se politica, c’è sempre, come diceva Edward Gorey, geniale illustratore di matrice surrealista, una “sottile crudeltà”, che in tanti casi può anche raggiungere la spietatezza. Ma neppure mancano casi opposti, che nelle vignette satiriche trasmettono solo un piccolo “brivido infantile”, come quello provato nel fare un dispettuccio al compagno di banco e procurarsi un sorriso. La satira, proprio perché punta a canzonare, irridere, schernire e a incidere è una espressione libera, può permettersi di accentuare con ferocia il dissenso per aspetti ritenuti irragionevoli e paradossali del potere, ma anche fermarsi alla sottile impertinenza. Dovendo affrontare un universo di situazioni, se rinuncia all’imparzialità, rinuncia a sé stessa. Nasconde l’uso strumentale e partigiano che ne fa l’autore. Tutto sommato, una divertente crudeltà non “manda a morte” nessuno.
Dopo aver presentato in giro per le fumetterie piacentine il suo ultimo libro Il RottaMario. Quasi un anno di vignette satiriche”, il trentasettenne secugnaghino Alessandro Colonna, vignettista e tecnico comunale a San Colombano al Lambro, lo ha fatto conoscere al Cenacolo degli Artisti di Casalpusterlengo. La raccolta, uscita a dicembre da GL, stamperia storica piacentina, è in parte centrata sulle fustigazioni (economico-politiche) di Mario Monti e bendisposta a mettere alla gogna altri personaggi dell’etablissement: Berlusconi, Bersani, Casini, D’Alema, Fiorito, Formigoni, Giannino, Monti, Napoletano, Renzi, Bindi, Fornero. Forse peccheremo di malizia, ma manca, per par condicio, qualche nome. Una assenza intenzionale?. In “Colonna infame”, il blog di Colonna, anche le ultime etichette vanno in una certa direzione,  sono riservate a Giannino, Benedetto XIV, Vendola, Monti, Bersani, Comunione e Liberazione, Saipem, ecc.
L’irrisione a cui il vignettista casalino sottopone i personaggi della politica nasce dalla attualità. E non sempre si sa l’attualità arriva giusta a ispirare la mente, la mano e il cuore, anche del più curioso e ironico vignettista, abile nel scandagliare risvolti e fondali della cronaca politica, economica e, perché no?, giudiziaria.
Le vignette di Colonna, da un lato centrano l’assurdità di certi intrecci, promesse, provvedimenti e accadimenti, per un altro aspetto presentano poco interesse per altre situazioni (drammaticamente buffe),  che avrebbero ben meritato la sua sagacia grafica.  Detto ciò, quel ch’egli egli mostra è uno stile spontaneo, espansivo e nello stesso tempo misurato. La sua è un’ironia pungente, saporita senza essere troppo pepata, che mantiene in sé una certa amabilità e garbo. Colonna evita di rigirare il coltello troppo a fondo nelle piaghe. In alcuni casi sarcasmo e canzonatura si fermano alla nota simpatica, priva di veleno. Anche se all’ombra de “Il Veleno”, periodico romano, il casalino si è destreggiato.

Il Libro: Alessandro Colonna: Il RottaMario. Quasi un anno di vignette satiriche”, edizioni GL, dicembre 2012.

 

 

VENTI ILLUSTRAZIONI DI ADAMO CALABRESE

Disegno di Calabrese

Dopo tante esposizioni di tecniche contemporanee, materiali, procedimenti, sperimentazioni, “Cesaris per l’arte” si ammorbidisce, mette in scena un illustratore, Adamo Calabrese, scrittore e uomo di teatro. Viene subito da chiedersi: cosa significhi essere illustratori oggi in tempi di manipolazioni e di mixaggi fra digital, computergrafica, fotografia, disegno. Non avendo una risposta adeguata ci siamo dati da fare ed ecco quante scombinate risposte abbiamo sfogliato: “Un degustatore di immagini proprie e di situazioni create da un altro”; “un romantico che aspira alla copertina”; “uno che consuma carta e cartone senza esser sicuro di poter mangiare a mezzogiorno”; “un’inguaribile del disegno che si destina all’infanzia o alla pubblicità”;. “uno con la passione antica, che non s’è accorto che non si stampano più libri illustrati”; “ si fa chiamare vizualizer per tarsi tono, mette abilità e competenza in un portfolio e lo dimentica in osteria dopo il primo incontro di lavoro”. Non credo che una di queste risposte si attagli a Calabrese.

L’illustratore descrive un testo visivamente. Esegue immagini espressamente per spiegare od ornare un testo stampato rispetto al quale in genere risulta in subordine. Ordinariamente può svolgere una funzione esplicativa o interpretativa o anche ornamentale. Può essere un austero o un autorevole (come Daumier, Crane, Doré, De Carolis), oggi anche un vignettista, un fumettista, un macchiettista, un umorista, un caricaturista… Ci stiamo però allontanando troppo dall’illustratore. Sostanzialmente è un disegnatore che traduce in immagini ciò che esiste già e lo fa magari affilando l’indagine, intingendo nella china dell’ironia. Tra gli illustratori – un vero fiume in piena in Italia – ci sono veri artisti e ci sono coloro che semplicemente “raccontano cogli occhi” e che spesso sono un miscuglio di mestieri (scrittore, pittore, disegnatore, giornalista). Tra tanti c’è un nucleo forte che illustra e mette in luce aspetti nascosti del nostro vivere e della nostra società, dando alla narrazione figurata un proprio carico di umanità e di riferimenti culturali.

Dove vada a collocarsi Adamo Calabrese con questa mostra casalese, non è facile dire. Il suo è un disegno castigato nella forma, contenuto nell’espressione, insomma, quel che si dice “per bene”. In altri tempi, confondendo un po’, lo avrebbero avvicinato a Novello. Anche Calabrese fa sorridere, dà buon umore, coglie sempre qualche elemento di fantasia. Ma non sceneggia. E neppure esaspera o fa la caricatura. Racconta con garbo semplicemente quel che prima ha letto della Bibbia, di Foscolo, di Leopardi, de’ I promessi sposi, di Čechov, di Cenerentola, del Barone di Munchausen… E’ insomma un illustratore di buone maniere, amabile, rivela abilità non solo tecnica, che riflette e appunto disegna e dà un tocco di colore. Per la mostra all’Itis di Casale, Amedeo Anelli ha scelto una ventina di lavori tutti di contenuto letterario, una selezione che dimostra come la letteratura, filtrata dalla capacità disegnativa e dall’ humor di un autore che è anche lui scrittore e uomo di teatro si presta a letture sorprendentemente disancorate dalla critica letteraria. I suoi disegni e le sue grafiche, i suoi acquerelli che personalmente avevamo conosciuto una prima volta tre anni fa alla Feltrinelli di Monza, hanno un sapore piacevolmente fresco, essenziale e diretto, sottile, venato di ironia,  senza avvicinarsi all’inglese. Nelle sue accentuazioni non c’è satira, ma umorismo, una sorta di esperienza cognitiva che va incontro a una serie di variabili: cultura, maturità, educazione, intelligenza, psicologia e, naturalmente, gusto personale.

Da dove è partito Adamo Calabrese? Come ci è arrivato alla illustrazione? Ecco quel che dice: “Mio padre mi ha lasciato una cassa di libri con i quali ho trascorso i miei anni più stravaganti, quelli che vanno dal sillabario all’Iliade. Il più amato dei volumi è stato uno scartafaccio con i disegni di Gustave Dorè sulle favole di Perrault. Poi c’è stato il teatro di mio padre con la sua filodrammatica da dopolavoro inondata dalle lacrime del Padrone delle ferriere e di Come le foglie. Poi… poi il fiume della mia vita mi ha portato per il mondo a vendere acido solforico e salgemma sostando nelle caffetterie degli aeroporti davanti ad un bicchiere di birra in ascolto delle chiacchiere di un altro bicchiere di birra. E nell’insonnia delle notti, accompagnato dal cri cri dei tarli in stranieri lettoni, scrivere e disegnare. Scrivere con la mano destra e disegnare con la mano sinistra come un muto che s’ingegna a raccontare  a gesti la forma delle nuvole, o il colore degli alberi.”

Adamo Calabrese: disegni e grafiche – Cesaris, via Cadorna – febbraio – marzo 2012

 

Contrassegnato da tag , , , ,