Fedi ,Gini e il libro d’artista: strumento di diffusione di idee e luogo di ricerca


Se, come si è soliti dire, una mostra è una mostra ed è da vedere per poterla giudicare, una conferenza esige di conoscere, per completezza, il dato concreto che ha fatto risalire al dato condensato da studio e rilevanza critico-storica oltre agli interessi di prima mano.

Senza togliere nulla ai precedenti illustri (futuristi, dadaisti, ecc,) che hanno visto nel libro uno strumento di ricerca e diffusione di idee, i programmi della Associazione Monsignor Quartieri Lodi hanno meritevolmente riportato l’interesse dei lodigiani sul “libro d’artista”, esibito attraverso i contributi di Fernanda Fedi e Gino Gini, due artisti milanesi che da anni portano avanti i “fini artistici” del mezzo, chiariti e interpretati da Amedeo Anelli, direttore di Kamen’, alla luce delle potenzialità all’interno dell’arte e del suo sistema, offrendo all’uditorio uno scandaglio delle sperimentazione nelle nuove pratiche espressive, che rimandano alla capacità del libro di contenere immagini, testi, segni e materiali differenti da esprimere un ventaglio di idee, dalle più astratte a quelle più personali.

Il libro d’artista è, insomma, un modo efficace per diffondere il pensiero e l’arte, ed è strumento ideale per realizzare le teorie che si propongono di dare al prodotto culturale una maggiore accessibilità; diventa un mezzo che elude i meccanismi commerciali, espositivi ed elitari dell’arte e infrange la dicotomia vita/arte

Particolare interessante e atipico è senz’altro il percorso di Fernanda Fedi e Gino Gini che concentrano la produzione sul libro d’artista, spaziando dall’opera unica al multiplo ad alta tiratura e hanno dato vita a Milano nel 1983 all’Archivio Libri d’Artista, che raccoglie migliaia di lavori italiani e di tutto il mondo e sabato sono tornati a informare il pubblico lodigiano attorno alle varie sfaccettature del “prodotto”.

I libri d’artista sono opere manuali, create utilizzando tecniche e materiali poveri; hanno tiratura limitata, in qualche caso unica, in cui a testi e poesie vengono abbinati disegni, acquerelli, interventi di grafica.
Rievocando le rispettive esperienze individuali, i due artisti hanno portato in luce diversità, memorie, progettualità, orientamenti, intervalli, eccetera, intrattenendo l’uditorio sul come “accostarsi” al libro d’artista. Risaltando che è dal come ci si accosta che si capisce a cosa ci si avvicina a una ricerca che si pone contemporaneamente sullo scorrere del tattile e del visivo, dell’artigianale e del creativo, cerca riferimenti nell’immaginario e nei contrappunti illusionistici, nella dilatazione e trasformazione complessiva dei propri confini.

Se all’alfabeto si richiama Fernanda Fedi, artista conosciuta dai lodigiani per avere esposto al Gelso di Giovanni Bellinzoni e insieme al marito Gino Gini all’Archivio Storico di Lodi, ambedue gli artisti risultano accreditati da un curriculum di presenze a Lodi, Casalpusterlengo, San Donato Milanese, e Gini come autore particolarmente noto nel campo della poesia visiva e dell’arte concettuale.

Riferendosi alla loro opera, il critico Anelli rileva come nella sua storia il libro d’artista ha conosciuto processi “di dissignificazione” mentre nei due artisti è frutto “di progettazione e di documentazione delle proprie tracce progettuali”; il risultato di un progressivo recupero “della fattualità artigianale”. I loro risultati mostrano specularità e differenza, ritrovano nei rispettivi“progetti” il gusto della esplorazione, si aprono alla fabulazione e al poetico.

Aldo Caserini

One thought on “Fedi ,Gini e il libro d’artista: strumento di diffusione di idee e luogo di ricerca

  1. Isabella Ottobelli ha detto:

    Grazie Aldo. isa

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: