Retrospettiva di Ottobelli alle Stanze di Carte d’Arte


 

Potrà sorprendere e insieme far piacere che un evento come Carte d Arte con le sue Stanze che anche quest’anno l’Associazione d. Quartieri darà assetto allo spazio arte Bpl, destini un’ attenzione a quegli artisti e artigiani che son passati dalle sue stanze e che oggi non ci son più (gli acquafortisti Timoncini e Diana, lo stampatore Zanaboni), e, in particolare, organizzerà una retrospettiva del medico-pittore Mario Ottobelli nel ventennale della morte.

Con tale attenzione il “quadro” dell’evento curato da Gian Maria Bellocchio e dall’architetto e storico dell’arte sangiulianese Walter Pazzaia mette a punto una selezione espositiva di interessi ampi, dal mondo della grafica a figure di spicco in qualche modo legate alle attività culturali dell’Associazione.

Delle qualità d’artista di Mario Ottobelli e della sua natura si e scritto molto a cominciare dalle sue mostre meneghine (galleria Montenapoleone, Ars Italica, Permanente) e, per rimanere a livello locale, al Collegio San Francesco ( dove il pittore fu allievo), alla Galleria Mazzi (2002), alla Casa del Popolo di Lodi (2009), all’I.T.I.S di Casale (2018) oltre a diverse altre individuali e collettive..

Voce singolare, Ottobelli fu pittore che espresse sempre il desiderio di miglioramento, riconoscendo l’insegnamento dei suoi maestri e dei successivi riferimenti. Dipingere fu per lui, un’ “esperienza umana”. Uomo di cultura (di cultura pittorica), sobrio, senza eccessi, misurato nei giudizi, diffidava di quei pittori che ricorrevano alle troppe parole da sorprendersi a volte per certe sue uscite giudicate pungenti o pepate. Il suo interesse era rivolto tutto alle “rigenerazioni” portate in pittura da De Amicis, Spilimbergo, Moro, artisti suoi amici che citava spesso per le qualità morali e le competenze e virtù di mestiere.

Il nostro primo contatto con la sua pittura risale a oltre mezzo secolo fa alla galleria Montenapoleone di Milano. Alla fine, con preziosa leggerezza disse: ”Se le capiterà di scrivere di me faccia riferimento al cezannismo di De Amicis, mi è il più vicino in senso unico”.

Suo insegnante e amico, De Amicis ha sempre mostrato grande apprezzamento da introdurlo alla Permanente di Milano. Nei suoi quadri, vi coglieva, da pittore, una vibrazione intensa e accenti di linguaggio “franco”, non viziato da estetismi.

La mostra che le Stanze gli dedicheranno a novembre costringe anche noi a tirar fuori qualche “fotografia” che dia idea del suo carattere e temperamento al di là delle analisi critiche. Ottobelli fu un artista appartato e silenzioso, fuori dalle contese che a Lodi non sono mai mancate, da negarsi a qualche legame con gli altri pittori locali, non per alterigia o supponenza. Tutt’altro. Semplicemente perché non era d’accordo con i concetti grossolani che alcuni di loro esprimevano.

Ad una “Oldrado” gli venne consegnata una medaglia al merito. Naturalmente ben accetta, ma non da menarne particolare vanto. Preferiva star lontano dalle pedane. Era un pittore “fai ‘nsì – dicevano moglie e amici -. Che in tal modo riassumevano il carattere dell’uomo: uno che non si atteggiava, che respingeva le ritualistiche e l’ufficialità. Nelle sezioni (arte sacra, nudi e figure femminili, paesaggi, nature morte e interni) in cui troveranno disposizione i lavori (provenienti da collezioni private e dai familiari) i visitatori non scopriranno “inquietudini particolari”. Solo codici di sobrietà, una malinconia pensosa e tanta poesia.

 

Aldo Caserini

Annunci

One thought on “Retrospettiva di Ottobelli alle Stanze di Carte d’Arte

  1. Isabella Ottobelli ha detto:

    Grazie Aldo. Sempre di ottimo livello e quanto mai aderente alla figura del mio “grande” papà. Isa

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: