Goffredo Costa, schizzi e disegni della città di Lodi


 

Goffredo Costa è un pittore hobbysta, presente con molta discrezione sulla scena lodigiana. Dipinge per divertimento, che non vuol dire solo per piacere personale o distensione, ma qualcosa di più. Nei risultati c’è intenzione, passione, c’è il pensiero fisso rivolto a rappresentare la sua città, Lodi, intento a individuare attraverso architetture e luoghi la “sintassi”, a cogliere il rapporto fra gli elementi che le danno luce alla sua storia: Il Duomo, Il Torrione, Piazza Broletto, il Mercato sotto la neve, Isola Carolina, Piazza Duomo, gli Angoli delle vie centrali, i Cortili, i Parcheggi di biciclette ,l’Adda e il suo ponte, l’ormeggio delle barche al fiume eccetera. Lo spunto è, a volte, tratto da vecchie foto tradotte in chine e disegni corretti dal chiaroscuro, che realizzano attraverso l’organizzazione delle forme un rapporto di suggestione e lirismo.
All’attivo Costa ha un numero discreto di mostre di gruppo e di personali: all’Oratorio dei santi Bassiano e Fereolo, alla chiesa di San Giorgio alla Maccastorna, al Museo dell’Incoronata, a Cascina Archinti, alla Borgognone, a San Colombano al Lambro, a Cavenago d’Adda, e con una certa insistenza alla Bottega delle Cornici Arioli, al Fuori Lodi, al Bar Bizzò dove incontra sempre curiosità e interesse.
Da tempo nello spazio di via Cadamosto 6/1, Costa si cimenta coi colori a china, segno che ormai può spostarsi su nuove direttrici.
Per un patito dalla fotografia, che ha scoperto il disegno e il colore e che concentra l’ interesse espressivo su luoghi della città cogliendone la quotidiana razione di poesia, affidata a un segno pulito, libero e ben proporzionato, c’è materia per qualche attenzione, più di quanta non ne abbia ottenuta finora.
Gli viene rimproverato un figurativo troppo “fotografico“. “Per il mio stile, definito troppo ‘fotografico’, sonospesso criticato. Ma continuo e continuerò a riservare meticolosità ai miei lavori. Chi li osserva deve poter cogliere l’interesse, il piacere e la passione con cui mi dedico ad essi”. Nella sua ricerca di ordine c’è anche la rappresentazione di uno stato d’animo. Costa è’ un paesaggista che, propone ciò che vede e sente davanti al soggetto. Nei lavori emerge la volontà di quiete, di gioia (di realizzazione, d’effetto. di misura). Possono risultare anche decorativi, ma c’è pure altro oltre alla rappresentazione, c’è scelta, succosità, leggerezza. Non poca cosa.

 

Annunci

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: