Ricordo di Grmas Zoran


Zoran Grmaš

La morte ci è vicina, ci accompagna e nel contempo ci aspetta, dice la saggezza dei nostri nonni e dei nostri contadini. La possiamo dimenticare, espellere dal mondo del nostro visibile, ma si prende sempre la rivincita. Magari dandoci la notizia di essere passata tempo prima senza informarci, mettendoci di fronte a risposte diverse. Come nel caso dell’amico Zoran
Zoran Grmas se n’è andato da tempo non ancora cinquantenne, colpito da un male incurabile. Solo le circostanze e internet lo hanno riportato ai nostri orizzonti cittadini. Il suo nome, dimenticato dai più, è di un artista che la guerra fratricida in Serbia aveva costretto a trovare rifugio a Lodi, rivelandosi uno dei grafici più interessanti e innovativi, distintosi per qualità e rarità nei rapporti grafici e pittorici.
Nato a Novi Sad nel 1970, allievo di Zoran Todovic col quale si laureò in pittura all’Accademia di quella città, dove anche insegnò prima di trasferirsi in Italia, Grmas fu collaboratore dell’Atelier Upiglio, con il quale lavorò all’opera del grande Wilfred. Lam ed espose in Giappone, India, Spagna, Bulgaria, e, naturalmente, Serbia e Italia. Dall’Accademia d’arte di “Carrara” di Bergamo, alla “Grafica Uno”, all “Atelier 14”, al gruppo d’arte “Quali differenze” e all’associazione “oltreponte di Lodi condusse un percorso sintetizzato nella definizione di “lirica razionalità”.
Autore di immagini sottoposte a incessante rinnovamento, l’artista, grande amico di Ugo Maffi, sciolse ogni richiamo al mondo visibile, liberando un universo interiore regolato da grande senso dell’equilibrio compositivo.
Ai lodigiani si rivelò artista di grande qualità tecnica, muovendosi tra passaggi e acquisizioni, riflessioni e riprese con estrema facilità e flessibilità. Per certe fioriture la sua grafica faceva pensare a una nuova traduzione di neonaturalismo. In verità Zoran si preoccupava di costringere la linea impulsiva dei segni, degli aggiuntivi materici e dei colori su di un terreno che conduceva all’unità d’immagine.
L’antologica alla ex chiesa dell’Angelo, l’esposizione a Bertonico e la personale al Circolo Ada Negri 2 furono tre momenti che raccolsero una esperienza di esiti in continua sottile compenetrazione di natura e scrittura, esistenza e trama del fare.
In quelle occasioni Zoran propose risultati di sottilissima intelligenza: una pittura e una grafica che estraevano intuizioni, segmenti di poesia, impulsi di presenze autobiografiche; rivelando in tutte e tre le esposizioni finezza compositiva e cromatica, e il sospetto di un intellettuale edonismo pari quanto lo schietto e sensuoso gusto nutrito per l’esplorazione e la materia. Mostrò un’arte di singolare lirismo, suggestiva, praticata e governata con alto senso critico, senza radici nella figurazione e nella rappresentazione. In un certo senso depistante. Una pittura di tentazione e di tendenza ermetica, frutto di un ingegno mobilissimo e sperimentalmente aperto, che mirava ad un proprio orfismo e spaziava fantasticamente in un mondo di profondità con un suo entusiasmo problematico, che nascondeva le paternità e rifuggiva dalle classificazioni. In ciò, mi confessò una sera davanti a dei boccali di birra, di voler conservare l’integrità culturale e quella affettiva con la sua terra, dove tali esperienze avevano ampia diffusione e raccoglievano spontaneo consenso.

Annunci

4 thoughts on “Ricordo di Grmas Zoran

  1. icobar ha detto:

    Grazie per la notizia ed il ricordo. E’ stato un carissimo e cordiale amico ed anche maestro. Cordiali saluti. E.Barazzotto

    > WordPress.com

  2. Borka ha detto:

    Grazie

  3. Borka Grmas ha detto:

    Grazie per articolo scritto in memoria di mio caro fratello!

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: