“Tra due stazioni” di Luca Raul Martini


Il poeta Luca Raul Martini

Luca Raul Martini è un giornalista milanese nato sotto il segno del capricorno nel ’58, poco noto fuori dalla corporazione giornalistica, anche se ultimamente sono diversi i siti di poesia che hanno preso a divulgarlo. Da anni lavora a Glamour ( punto di riferimento delle donne che amano la moda e lo shopping), dove è capo redattore. Ma questo conta poco o niente con la sua produzione poetica. Aiuta forse più una dichiarazione dello stesso Martini: “Scrivo poco e leggo tanto. Mi piace tutto quel che fa spettacolo e la musica rock”. Una volta messa in disparte la storia contemporanea studiata in Statale, ci si può azzardare sul resto: è autore non rampante né prolifico, assolutamente non divagante in trame glamour come quelli del loggione malignano, coltiva un linguaggio poco abbagliante ma attento alle tarme; erudito nel lessico, possiede un dizionario ben architettato che affida volentieri a ventate di parlato.“Sto aspettando / la tua morte / come se fossi / nella sala d’attesa / di un dentista / scadente / […] / sono semplicemente / il bambino / seduto allo stadio / che dondola le gambe / nel vuoto / dopo che è finita / la partita. Mi capita poi / di accendere / la radio con prudenza / e quasi paura / per sentire / se c’è una frequenza / se sugli altri campi / si gioca ancora” (The Waiting). Scrittore rifinito, Martini non da spazio a intrusioni. Resta sconosciuto sulle sponde del Naviglio, dove i poeti milanesi vanno a farsi leggere nei locali “in” e i critici almanaccano indulgentemente nel disordine dei loro versi.
Martini è esperto di comunicazione. “Acquartierato”, manifesta interesse per un diverso linguaggio, non esibitivo o da scorribanda rigattiera. Sa come ravvivare le parole per farle funzionare meglio. La poetessa Daniela Pericone se n’é accorta dedicando subito attenzione a “Tra due stazioni”.
Dove abbia preso il vizio antico del poetare non si sa. Ma questo vale per tanti. Avremmo torto se non riconoscessimo legami, anche se non stretti e profondi, del suo mondo con “altri” mondi. Ha stile, benché lo stile abbia ormai perduto di significato. Per Arbasino tutta colpa della moda. Chilossa?!
Il volumetto, una settantina di pagine, si avvale in appendice di una nota di Amedeo Anelli (Sequenza dopo il diluvio). Sotto una tessitura “intensiva e serrata” il direttore di Kamen’ ha individuato una sorta di viaggio biblico dove si danno da fare “elementi in tensione”: di natura, cultura, conversazione, con radici nell’ habitat della periferia dove si perdono i contorni dell’esistere. La poesia di Martini riflette/risente questo indistinto flusso della condizione metropolitana. Persino il “tu”, annota il critico lodigiano, ha brancolamenti e procura rifiuti.

 

Il libro: Luca Raul Martini: Tra due stazioni. Poesie, con una nota di Amedeo Anelli – Terra d’ulivi edizioni, 2017 , €10,00.

Annunci

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: