ENRICO DELLA TORRE / 85mo COMPLEANNO, 70 anni di MOSTRE


DELLA TORRE 1

DUE MOSTRE LO FESTEGGIANO: A CEMABBIO (VARESE)
E ALLA GALLERIA MARINI A MILANO

Allievo di Borra e Funi a Brera negli anni a scavalco tra ’40 e ‘50, Enrico Della Torre è cresciuto come artista singolare. Intendendo per singolare l’artista raro e inconfondibile per percorso e per linguaggio. Tanto per intenderci: uno che obbliga a riandare a Roland Barthes o a Italo Calvino se si vuole indagare il suo racconto visivo.
Della Torre è partito figurativo, liberatosi poi in immagini di fantasia di tutte le combinazioni possibili, fatte di astratta sintesi e sensibilità poetica. Fuori e senza i disagi degli ismi.
Nativo di Pizzighettone, dove l’Adda divide le terre alaudensi da quelle cremonesi e fornisce una natura fatta di geometrie, luce, avifauna, acque, pioppeti, colture, nebbie – l’ esatta misura per lui e per la sua sensibilità di poeta – ha tenuto attivo fino ai primi anni ‘90 un proprio atelier.
Nell’approfondimento analitico della sua arte la natura della Bassa abduana ha significato molto per Della Torre, è stata quasi un accompagnamento dell’esperienza artistica: la si trova infatti disseminata con intensità e continuità d’esercizio in pitture e grafiche. Il 26 giugno Della Torre compie gli 85 anni e 70 li compie la sua carriera espositiva, partita nel 1956 alla galleria dell’Ariete a Milano. A festeggiarlo due mostre: una a Comabbio in provincia di Varese , dove fino al 6 giugno sono esposte sette acqueforti ispirate al poeta gradese Biagio Marin e una quarantina di collage, l’altra alla galleria Marini a Milano, dove fino al 2 luglio si possono vedere oli, pastelli, grafiche.
Pittore figurativo? O astratto? E’ la domanda che abitualmente accompagna ogni esposizione di Della Torre . CheDELLA TORRE - Pizzighettone ancora regge se ci si interroga tra figurazione e astrazione, tra ordine geometrico e forme sorgive e segniche, sulle parti che in lui si scambiano incessantemente, nella continua metamorfosi e dialettica dei significati. Segno che per intensità, densità e – insieme – leggerezza l’arte di Della Torre regge perfettamente contro il groviglio attualista. In lui l’’immagine e la forma astratta sono simbolo di una realtà integrale, in cui si fondono sensazione e idea, logica chiarezza e inconscio, rappresentazione e invenzione, preveggenza e memoria. In Della Torre un filo misterioso tiene insieme i nutrimenti di Klee, Matisse, Hokusai e la moralità morandiana. Curiosamente lo stesso filo motiva la sua ampia presenza in musei e collezioni pubbliche. E pure la fama europea raggiunta attraverso la serie di mostre personali tenute con successo a Francoforte, Hattingen, BIelefeld, Lugano, Haus, Bellinzona, Diessen am Ammersee, Berlino, ecc.
Nel susseguirsi di personali e collettive anche i lodigiani e i sudmilanese possono recuperare i diversi momenti delle sue trasfigurazioni poetiche e astrazioni: la mostra “La fantasia della natura”, organizzata da Tino Gipponi al Museo Civico di Lodi (1984), quella degli Amici della Grafica di Casalpusterlengo alla Pusterla (1986), degli Amici del Castello al Mediceo di Melegnano (1985), le personali alla Biblioteca comunale di Cassano d’Adda (1986), al Centro Culturale di Pizzighettone (1992), da Bramati Arte a Vaprio d’Adda (1995 e 2000), oltre le edizioni con incisioni originali come quelle curate dal poeta lodigiano Sandro Boccardi (“La tempora”, Scheiwiller), dal critico graffignanino Elda Fezzi insieme a Roberto Tassi (“Della Torre incisioni, dipinti”, Centofiorini), da Tino Gipponi (“Protagonisti di una amicizia ideale, Lodilibri) eccetera.
Nelle mostre in corso si coglie come Della Torre ha raggiunto la fusione dell’immagine spontanea e primaria con la più colta e calibrata struttura stilistica; come grafica e pittura nascono con il flusso della sua vitalità poetica, con la genesi e la trasformazione delle sue idee, delle sue sensazioni, delle sue emozioni.

 

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: