Il Salotto Letterario di Lodi 2008-2016


Salotto LetterarioIl quinto numero de “Il Salotto Letterario di Lodi”( Youcanprint, 2016, pagg. 165, € 14,00) è, come le precedenti raccolte degli anni 1991, 2001, 2005 e 2008, una miscellanea che abbraccia poesie, narrazioni, meditazioni, conferenze, profili d’autore presentati con discrezione e leggera scrittura da una ventina di aderenti al Circolo presieduto da Alberto Raimondi, noto pediatra lodigiano, direttore della Fondazione Danelli e non meno noto scrittore di calde ed affettuose riflessioni , autore di volumetti curiosi e simpatici, di sana intelligenza letteraria (Argomenti da salotto, 2015;, Arie da concerto, 2012; Poesie in forme musicali, 2008, Ritagli di giornali, ecc.), e che si avvale della preziosa collaborazione di Maria Filiberti Ponti, da trentacinque anni membro attivo del gruppo fondato da Elena Cazzulani e Gilberto Colletto, dedita alla pratica ceramografica artistica.
Dire di una pubblicazione che è un ricco caleidoscopio – una raccolta di idee, ricordi, sogni, riflessioni che mettono in letteratura e poesia metafore e cose vere, fantasie ed elementi di diverse realtà -, non è senza difficoltà, soprattutto perché gli autori non hanno linea comune, variano di motivazioni e interessi, anche se poi tutti si ritrovano nella “gioia di raccontare”, e, naturalmente, della gioia di stare ad ascoltare; hanno gusto per il racconto breve o per l’espressione lirica, elemento non meno importante per capire il nostro tempo, la nostra civiltà, lo spirito terrestre, laico, realistico e patetico che in tanta prosa accesa, poetica e melodiosa rivela un temerario candore insieme qualche mestizia o inquietudine.
Il nuovo numero della rivista si avvale di collaborazioni locali importanti come gli interventi di Clotilde Fino, già insegnante di lettere in istituti superiori cittadini e attualmente dedita a interventi di studi di storia locale. La Fino riserva nel modo migliore due note biografiche a ricordo di due personaggi lodigiani: Isabella Cattaneo Cornalba e Franco Prevosti: una ricostruzione sintetica in cui trovano spazio con misura curiosità e suggestioni esercitate da questi due campioni della cultura lodigiana.Nella pubblicazione trovano spazio gli interventi di Pietro Sarzana, autore di antologie, saggi e raccolte poetiche e autore dell’ intervento su “Come nasce una poesia?” in cui si sofferma su metodi formali e procedure testuali; Emilio Caperdoni, artefice di una ragnatela fittissima di raccolte di edificante moralismo (ultima La sorgente della vita, 2014) e di un libro di memorie (Un adolescente ricorda); Pietro Terzini, psicologo e psicoterapeuta, dedito alla poesia e alla pittura entrambe di tono affettuoso, autore di versi dedicati ai genitori e agli amici; Cristina Tagliaferro, esperta di Storia e letteratura dell’età moderna e contemporanea, autrice di numerosi saggi e testi critici, che affronta il tema del rapporto tra la poesia di Ada Negri e il Futurismo, già occasione, lo scorso anno, di una sua conferenza al “Salotto”; Enrico Zuccotti, ex preside di scuola media, appassionato di poesia vernacolare (Quator rob nel fasulet, 2002, Un cestin de muron muscatei, 2005), che in concomitanza con gli anniversari della prima e seconda guerra mondiale presenta un testo in prosa e tre poesie che indagano i doppifondi della storia; Gianni Sacchi, cronista di sensazioni e di esperienze prive di “atteggiamento letterario”, nei suoi componimenti sono più l’esperienza dell’esistenza a dare chiarezza all’inquietudine e a tradurreil verso in movimento. Al successo del numero contribuiscono con compiacenza di idee e radici vitali Chiara Cremonesi, la cremasca Severina Donata De Conti, Giuseppina Ferazza, Marisa Filiberti Ponti, Maria Vittoria Giambartolomei, Valerio Migliorini, Pinuccia Nervi, Alberto Raimondi, Giancarlo Sideri, Carlo Sobacchi, Enrico Zuccotti, A.Z. Linguaggio, valori individuali e collettivi costituiscono un mondo tenuto a bada nel tono e nel contenuto da un sentimento senza particolare pateticità, in cui racconto e poesia, sembrano spesso dominati da una onestà disarmata ma non priva di qualche magnetismo.

 

Advertisements
Contrassegnato da tag , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: