“Dissolvenze”: 20 immagini allegoriche di Giuseppe Orsini


ORSINI DissolvenzeGiuseppe Orsini è uno di quei fotografi che nonostante utilizzi la fotografia anche come documentazione, considera questo media una forma alternativa ai mezzi espressivi tradizionali, non inquinata dai pregiudizi del mondo dell’arte, rapida nell’individuare forme da mettere a confronto e sviluppare con un discorso non semplicemente di aspetto tecnico ma partecipe a un ritratto simbolico, ambientale e culturale d’attualità.
Tra i temi più importanti affrontati da Orsini in occasione di mostre a Lodi e Milano (“Prospettive di solitudine”, “Fughe nello spazio”, “Oltre il ponte”, “Fotofantasticando”, “Giochi d’acqua” ) sono per lui i destini degli individui al margine della società e della politica, senza sfondi di prospettiva in un’epoca dove anche le cose meno significative o in parte illusionistiche come il colore e la pittura o l’architettura riflettonoi questa condizione imposta dal sistema.
Con ciò, le percorrenze creative di Orsini si inseriscono in quei percorsi della fotografia che si basano su interferenze, rimaneggiamenti e ibridazioni delle immagini per recuperare contenuti non esplicitati, e, dando loro angolazioni e accostamenti funzionali alla trattazione, svolgono un tema o un discorso che va oltre la descrittiva dell’immagine.
Nella mostra in corso all’ex-chiesa dell’Angelo sotto il titolo “Dissolvenze” Orsini raccoglie una selezione di click originati in Germania, Austria e in Herzegovina che fissano una serie di torri in cui il moderno si confronta con il classico, il nuovo con il passato, misurandosi in una dialettica spaziale e di chiari e scuri, di immagini lineari e in stile, autorevoli nella dimensione visiva che svanisce o si dissolve o dissocia nella parte alta della costruzione, offrendo un feed-back della metafora. Le immagini di Orsini sono certamente, prima d’altro, immagini di architetture. Ma lo sono anche di storia, potere, civiltà. Alcune suggeriscono esplorazioni poetiche, altre di esplosiva ridondanza, altre di lineare leggerezza. Le sintesi sono l’esito di aggiustamenti e giustapposizioni ( come nella ciminiera industriale di Lodi). Elemento comune è la sommità oscurata dall’ intervento artistico, che praticamente le ridimensiona. Il che suggerisce parti per nuove riflessioni. Non di estetica formale, che ha sicuramente un significato di rapporto. Più impegnativamente, ciò che il fotografo intende proporre avvalendosi anche delle caratteristiche architettoniche messe a confronto è il rapporto tra la lucentezza della base e l’ombra indistinta che ne oscura la cima per cui le immagini si intarsiano di questa comparazione o confronto.
Le venti foto 50×70 in bianco e nero esposte montano una rappresentazione simbolica di passato e presente, di senso storico e di consumo turistico che spulciano il filo della rassegna. Alla fine risulta una mostra caratterizzata dalla ricerca di una identificazione tra arte e vita. Dietro agli scatti si intuisce una “lettura” che va oltre alla pura documentazione, orientata a cogliere la memoria che sta dietro.
Le foto seguono un modello che struttura configurazioni di natura intellettuale: percorsi, muri, torri variano a seconda del tempo e del contesto, per essere alla fine calamite di uno stesso disegno, di un rapporto che rimanda più che ad esperienze sensoriali, a decodificazioni di suggestioni concettuali politico-sociali.

Dissolvenze – Foto di Giuseppe Orsini – Lodi, ex-chiesa dell’Angelo, via Fanfulla n.42 – Orari di apertura: martedì-venerdì 16-19; sabato e domenica 10-12, 16-19 Fino a domenica 31 gennaio compreso.

Nota pubblicata sul quotidiano “il Cittadino” di Lodi il29 gennaio 2016

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: