“Buongiorno e addio” di Francesco Mennillo


MENNILLO Francesco blogDiceva Schopenhaur che“la verità nasce come paradosso e muore come ovvietà”. E Quine notava: “Quello che per uno è contraddittorio, per un altro diventa scontato, e per un altro ancora banale”. L’opera del giuglianese Francesco Mennillo  (“Buongiorno e addio”, AbbiAbbé Edizioni, Giuliano, Napoli, Assoc. culturale Libereinterpretazioni, 2014, euro 8,00), ruota attorno a una semplice verità: a una certa età (l’autore ha superato da poco i trentadue), sembra scontato che anche il più acceso interesse può fare un giro
Consapevole dei paradossi stessi della ragione, Mennillo, musicista, cantautore, produttore, paroliere, direttore artistico, operatore culturale e ora anche esordiente scrittore, ha sfruttato tempi, modi, ritmi e armonie di situazioni quotidiane che devono avere, probabilmente, surriscaldato i suoi pensieri, per raccontare con laica rappresentazione in una sessantina di paginette una ventina di storie che smascherano il carattere di certe “vocazioni”. Un labirinto di storie e sentimenti diversi, frantumati dalla precarietà dell’esistenza, la cui ricognizione avviene attraverso particolari e sussulti, scanditi da passi di diario e accensioni letterarie.
Buongiorno e addio” è un lavoro che si legge d’un fiato, parla delle contraddizioni e di quanto abbiamo addosso; indaga il mondo e la realtà con filosofia e ironia, rispecchiandovi memoria, tradizione, linguaggi. Il tono è dolce e amaro, forse per impedire che la verità faccia naufragare nel “mito personale”. Tra il sarcastico, il derisorio e il mordace, dalle pagine affiorano giudizi essenziali e appassionati sul senso assunto dalle relazioni dei personaggi umani. MennilloL’autore non si limita a tracciare parabole di incontri, di desiderio e d’altro e ad accostarle con liricità alla realtà campana, ma mostra uno sguardo di affetto per i protagonisti della commedia umana, raccontati con simpatia e dialoghi che escono di bocca come allodole.
La struttura narrativa risulta in qualche passaggio sovraccarica, per la pressione di tenere insieme l’esigenza di dare forma al racconto e forma al pensiero, alla sua voracità implacabile; la leggerezza ironica e niente affatto iperborea e rivolta a riversare nella trama situazioni, abitudini costumi e visioni che i personaggi pagano in contanti sulla propria pelle e sulla propria anima.
Al piacere della lettura il libro aggiunge correlazioni istantanee alle quali lo scrittore di Giugliano si affida: confidare dell’intelligenza che c’è nelle emozioni; contare sulla dimensione affettiva del pensiero; scrutare nella memoria dei propri luoghi; indagare nelle esistenze vive e vere; dire quel che c’è da dire sul vivere quotidiano; analizzare senza sociologismi superflui abitudini, costumi, precarietà soggettive e ambientali; ri-significare l’idea di memoria e di nostalgia della propria terra. Qui vanno anche cercate le ragioni della briosità di tante pagine che aprono metaforiche finestre sul “teatro” di cui il napoletano è ricco. In questa prima fatica letteraria Mennillo mostra di dividersi tra neorealismo e romanticismo. Come dice Francesco Amoroso nella presentazione “sa come e dove cogliere l’emozione MENNILLO Francescodal quotidiano, senza doverlo impachettare in stupidi argomenti”. In sostanza, sa stare alla larga dai percorsi attuali di certa narrativa; rivela una scrittura un po’ beffarda, che tiene insieme l’italiano e il napoletano; possiede doti affabulative da coinvolgere il lettore, interessarlo e divertertilo. Ha il senso della scrittura, anche se andrebbe un po’ snellita per dare luce alla qualità delle immagini. di boa e acquietarsi su altre applicazioni. Importante è accompagnarle con un pizzico di ironia se si vuole che non porti lontano dalla realtà.

Il libro: Buongiorno e addio di Francesco Mennillo, ABBiABBè edizioni, Gugliano (Na), €8,00

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: