FUORI FESTIVAL 2015: I “soggetti” di Roberto Menardo all’Enorafo


Scan_Pic0016Nell’ambito delle iniziative collaterali al Festival della fotografia etica promosso da Progetto Immagine, Roberto Menardo propone all’Enorafo di Mascherpa & Arcelli (galleria Piazza Vittoria, 47, Lodi), una serie di stampe in b/n che conducono dentro a un modo non nuovo ma diverso di ritrarre i “soggetti”, offrendo condensati di immagine che eliminano la distanza dal soggetto stesso e recuperano contenuti descrittivi. In un mondo sempre più bombardato da immagini, il Fuori festival è sicuramente una iniziativa utile a far conoscere e valorizzare autori “di contenuto” quali Menardo, interessati a dotarsi di forme di linguaggio non proprio innovativi o sperimentali ma comunque di sostanza
La serie di “soggetti” colti a Lodi, Torino, Orvieto, Lago Maggiore, Firenze e Bagnoregno ratifica un fotografo abile non solo nei passaggi di ombre e luci, e che sa considerare con attenzione il momento da cogliere, distaccando l’immagine dai temi e soggetti tradizionali.
Nel caso specifico risulta concentrarsi su particolari soggettivi ed incidentali di comportamento dei soggetti, fornendo scorci di vita semplici inseriti nella cosiddetta “visione”. la dove un “fotografo comune avrebbe ripreso “semplicemente”.Roberto Menardo foto
Menardo conferma anche in questa occasione di saper cogliere le qualità essenziali di forma e di assieme: interpreta atmosfere, il colore di una scena, afferra secondo il suo gusto elementi di giudizio e a volte di poesia, indaga contenuti di equilibrio e di contrasto Non si fatica a cogliere nelle sue immagini il perfezionamento tecnico e neppure la presenza di modi non genericamente “espressivi”. Mostra sensibilità e gusto critico nelle scelte da fornire alle immagini una lettura di chiave letteraria. Colta con la nitida eleganza del piccolo formato da disegnare con linea leggerissima i contenuti di istanti che possono anche determinare moltiplicazioni di metafore e lingue.
Il gioco indeterminato delle suggestioni è catturato con scelte di persuasione e penetrazione. Menardo considera lo sfondo, il movimento, l’atto del corpo, il campo, l’ambiente, gli elementi distintivi e peculiari. Le immagini rivelano sensibilità per la tecnica, per la luce come elemento creativo, per la struttura compositiva. L’esposizione all’Enorafo lo confermano un fotografo descrittivo, analitico, espositivo, in grado di trasmettere vivaci impressioni delle situazioni colte e delle interpretazioni. Dimostra come dall’attimo fissato in un museo o galleria, in una fase risolutiva sul ring, su un campo di bocce, in una passeggiata romantica, in una escursione turistica di massa o in una uscita di jogging ecc. l’insieme delle pose e degli atteggiamenti possono variare i significati di fronte all’obiettivo. Spesso i momenti colti da Menardo sono senza importanza, ma fissano l’essenza di una situazione. Anche in questo egli pare cogliere nei soggetti qualcosa di caratteristico ed esprimere il suo senso per l’essenziale.

Soggetti: foto di Roberto Menardo Fuori Festiva Fotografia Etica ENORAFO, di Mascherpa e Arcelli, galleria Piazza della Vittoria n.47, Lodi – info. Tel.0371.67601; enorafo@gmail.com . Fino al 1 novembre.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: