La pittura Zen di Maurizio Marotta


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Maurizio Marotta, lodigiano, classe 1961, si dedica da anni alla pittura. Oggi, è lui stesso a definire la sua espressività il risultato di un avvicinamento alla “pittura Zen”. Ieri, (lo si ricorderà alla all’ex-chiesa dell’Angelo presentato da Pier Antonio Manca), veniva diversamente apparentato con le “passeggiate informatiche” di J. Pollock.
A distanza di una decina d’anni è più che naturale che gli stili di mutino per affinità o altri percorsi culturali e sociali. Da quella “uscita” dell’ex chiesa dell’Angelo, Marotta sembra essersi dotato di una impronta segnica, più definita, anche se non si può ancora dire linguaggio. In un alternarsi dinamico di diverso equilibrio, collocato su sfondi bianchi, conduce a considerazioni effettivamente episodiche. Lo si ricava dai lavori esposti al Bar Bizzo in via Cavour a Lodi, un luogo da tempo abituale spazio espositivo di artisti forti del fatto che esiste localmente un ampio settore di arte “media” fatta poco conoscere e investigata. Naturalmente non diciamo un’arte migliore o peggiore o di insolito gusto, ma non legata alla convivenza con i tipi e gli indirizzi di pittura diffusi in città.
Del tipo di pittura portata avanti da Marotta, è lui steso a fornire i punti di riferimento: i suoi disegni sono realizzati “a mente libera”, non corrispondono cioè a un decorare, com’è in uso in molta pratica contemporanea, ma a una scelta di “filosofia Zen”. Non un’arte d’èlite, dunque, ma un’arte sottratta ai discorsi tradizionali che si fanno parlando di cose dell’arte.
L’artista dichiara di partire non da un concetto o idea, ma “da in punto non definito e, servendosi dei colori e della fantasia arrivare a segni ed elementi di razionalità”. “Questo modo di operare non solo mi soddisfa molto, ma soprattutto fa della mia persona e del mio pensiero il vivere quotidiano”:
Il risultato è lasciato, di conseguenza a una campo di possibilità interpretative, come configurazione di stimoli dotati di sostanziale indeterminatezza, così da indurre l’osservatore a “letture”, sempre variabili. Marotta affida al pennello il compito di far sorgere forme materiali in cui si alternano dinamismo e movimento segnico, schizzi e sfumature, che a volte possono indicare l’indicibile, e, altre volte ritrovarsi in figurazioni di base individuabile.
Una variante di “pittura Zen”?. Le pietre di paragone fornite dalla pittura Zen tradizionale sono parecchio lontane dalla pittura Zen contemporanea che parla al gusto o meglio ai gusti senza più rispettare troppo i confini di una civiltà artistica. Fin dove le scelte del pittore lodigiano corrispondano a certi postulati, riesce difficile raccontare.. Più facile prenderla per ciò che la sua pittura mostra di essere: una pittura segnica, che valorizza lo spazio, rifiuta il calcolo, ha una sua base impressionistica a volte informale e a volte figurale; una pittura che richiede a chi l’osserva una apertura alla linea interpretativa. Ciò non esclude di riconoscervi quel “movimento interiore”, al quale l’artista sembra tenere. Lasciando da parte le teoriche Zen, si può ravvisare come il segno coincida con la trascrizione di impulsi gestuali, che in molti casi sono frutto però di operazioni lucide e controllate, meno istintive e automatiche. La scoperta essenziale è la libertà. Il diritto dell’artista di andare al limite di sé stesso. Il disordine dei segni, il disintegrarsi dei contorni, l’esplodere delle configurazioni invita a un gioco personale di relazioni, dove il gesto non rimane qualcosa di estraneo al segno. E’ una pittura che non induce allo sbuffo. In ogni caso un artista da seguire.

Maurizio Marotta. Opere recenti – Bar Bizzo di Gabrfiele Bizzoni, via Cavour Lodi. Aperto dal martedì alle domenica.Durata non fissata..

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: