“GRANDI MAESTRI”: Selezione di capolavori del Banco Popolare allo Spazio Arte Tiziano Zalli


Fuori dai caveau, per gli occhi di tutti,  in una grande mostra a Lodi dopo l’estate

GAETANO PREVIATI: "Maternità"

GAETANO PREVIATI:
“Maternità”

La stagione delle mostre allo Spazio Tiziano Zalli Bipielle Arte riprenderà dopo l’estate con una esposizione di dipinti scelti dalle collezioni provenienti dalle diverse sedi del Gruppo Bancario. La mostra fa parte di un lavoro di recupero coordinato dal Patrimonio Artistico del Banco Popolare con la collaborazione di esperti d’arte. “Grandi Maestri” indagherà i capolavori della collezione del Gruppo, attraverso una trentina di opere convocate da alcune sedi territoriali fra cui la Banca Popolare di Novara, la Banca di Verona, il Credito Bergamasco e la Popolare di Lodi.
L’iniziativa è rivolta alla valorizzazione dei beni artistici del Paese e punta a promuovere da parte del Banco il proprio patrimonio culturale favorendone la conoscenza anche a esperti e appassionati, a istituzioni universitarie, accademiche e culturali.
Le vaste ed eterogenee raccolte delle diverse banche che fanno parte del Gruppo sono il frutto di tradizioni collezionistiche locali: ne fanno parte disegni, stampe antiche e moderne, libri antichi, sculture, coralli, arazzi, ceramiche e soprattutto dipinti.

GIORGIO DE CHIRICO: "L'isola di San Giorgio a Vwenezia"

GIORGIO DE CHIRICO:
“L’isola di San Giorgio a Vwenezia”

«La collezione del Banco Popolare – ha dichiarato Angelo Piazzoli, coordinatore del Patrimonio Artistico – costituisce una storia tutta italiana: numerosi istituti di credito, nel corso del XX secolo, hanno collezionato opere d’arte. Oggi, riscopriamo questa vocazione, riportando a nuova luce frammenti di patrimoni comuni, per spingere tutti a guardare alle proprie radici. L’ambizione della mostra è di indagare attraverso la bellezza del passato, il presente e progettare il futuro.
L’esposizione lodigiana a cura della Fondazione Banca Popolare di Lodi, presieduta da Duccio Castellotti, si prefigura dunque come un appuntamento da non perdere sia per i pezzi che andranno in esposizione che per l’allestimento. L’esposizione di via Polenghi Lombardo12, sarà inoltre animata (dal 12 settembre all’11 ottobre) dalla presenza dei visitatori di Expo  Allo scenario contribuiranno cinque opere provenienti dalla sede lodigiana e cioè due Callisto Piazza (“San Bassiano che guarisce un lebbroso” e “San Bassiano che libera un’indemoniata”), un Martino Piazza (“Madonna con Bambino), un Giorgio De Chirico (“Isola di San Giorgio”), e un Afro Basaldella (“Composizione 1957”). Di grande richiamo risulterà inoltre la

CALLISTO PIAZZA "San Bassiano libera l'indemoniata"

CALLISTO PIAZZA
“San Bassiano libera l’indemoniata”

«Maternità di Gaetano Previati, che – spiega Piazzoli – è per diverse ragioni una delle opere più importanti della pittura italiana dell’Ottocento.
Il monumentale dipinto (cm 175,5x412x4,5) segna una svolta cruciale nel passaggio dalle poetiche naturaliste e realiste in pittura alle nuove tendenze simboliste, attraverso l’adozione della tecnica divisionista. Eseguita tra il 1890 e il dopo una lunga gestazione di cui sono testimonianza due bozzetti a olio e diversi disegni, Maternità venne presentata a Milano alla prima edizione della Triennale di Brera nel 1891, diventando immediatamente un vero e proprio caso.
“La tela di Previati fu al centro di polemiche e di accese discussioni per le scelte figurative diverse e rivoluzionarie rispetto a ciò che offriva il contesto artistico italiano in quegli anni», sottolineano i curatori Paolo Plebani, Sergio Rebora e Francesca Rossi.
Una “chicca” in esposizione sarà l’opera su carta dello spagnolo Antoni  Tapies, protagonista di quell’impresa collettiva rappresentata dall’Informale, spinta a un punto limite di conoscenza e di rottura.
L’evento – è persuasione della Fondazione lodigiana – aiuterà a riscoprire la vocazione della Popolare e a riportare a

AFRO BASALDELLA "Composizione"

AFRO BASALDELLA
“Composizione”

nuova luce frammenti di patrimoni comuni. L’ambizione di “Grandi Maestri”, che si inaugurerà dopo l’estate e racchiuderà una trentina di dipinti scelti dal XIV al XX secolo, è di indagare attraverso opere del passato il presente e progettare il futuro, risvegliando la consapevolezza della identità e dello stare insieme.
Ponendosi il problema di una catalogazione, il Banco aveva quattro anni fa affidato al Museo di Castelvecchio l’incarico di una ricostruzione. Nel catalogo on line (ancora in corso) sono entrate un gruppo di opere presenti in 29 città. La “memoria” raccoglie i rivoli di un collezionismo ricco e vario, e fa capire l’attenzione intelligente delle banche del gruppo per la storia culturale del Paese.

 

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

One thought on ““GRANDI MAESTRI”: Selezione di capolavori del Banco Popolare allo Spazio Arte Tiziano Zalli

  1. Federica ha detto:

    che bello, Aldo. Ma quindi 12 settembre /11 ottobre sono le date ufficiali?

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: