E’ tutto un altro Hokusai quello del lodigiano Bruno Gallotta


GALLOTTA Bruno Scan_Pic0007Molti sono convinti di sapere com’è il mondo perché lo vedono in televisione. Ma se vi preme capire com’è davvero il mondo, dovete interessarvi ai diversi modi in cui vengono create le immagini”, così David Hockney, celebre pittore e teorico dell’arte, autore di riflessioni acute e spiritose. Lo stesso pare dica senza esplicitarlo l’esperto di arte giapponese lodigiano Bruno Gallotta, autore del volume “Hokusai.100 vedute del Fuji.100 modi pee parlare di Dio senza nominarlo”( ed. DO.GO,, Media & Grafica Lodi, 2015, pp 100 e 100 riproduz, € 20), un’opera che coglie i frutti della sua personale ricerca, condotta su un’edizione pubblicata a Nagoi dall’editore Eirakuja Tshiro nel 1860 di sua proprietà, con cui riprende le riflessioni e gli approfondimenti di una vita attorno all’opera di questo maestro, nato nel 1760 e morto nel 1849, che fu imitato dagli artisti dell’art nouveau occidentale.
Con minuziosità e accuratezza, Gallotta offre una mulinante e coinvolgente lettura delle cento xilografie, da far rivivere l’impressione provata all’ex-chiesa dell’Angelo in occasione della recente esposizione, destinata agli annali cittadini per la straordinaria risposta di pubblico. L’ Hokusai di Gallotta non è, come si può pensare un libro che ordina e cataloga un centinaio di immagini e che ne analizza i contenuti estetici e grafici (anche se questo ovviamente non manca). E’ un testo che tiene insieme la descrizione e la saggistica; che traduce e interpreta segni, simboli e contenuti, offrendo la chiave di lettura degli “intenti spirituali” del maestro e dota il lettore di una lente di ingrandimento per scoprire il senso di tante spirali, ventagli, flutti, chiaroscuri, giuncacee, vuoti prospettici, tartarughe, alberi, rocce, animali, nuvole, ninfe e geroglifici, fauna, flora e naturalmente il monte Fuji, interpretandone tutta l’esegetica e l’inesauribile simbologia. In sostanza consente con linguaggio semplice e chiaro una corretta ed esauriente lettura, in cui trovano risalto il contesto storico e socioculturale in cui Hokusai operò e insieme una “visione” di assoluta leggerezza del discorso impostato attraverso le immagini..
Nel lavoro di Gallotta non sfugge una singolarità: il suo presentarsi controcorrente. Essenziale nella impaginazione e nell’organizzazione, raffinato nella rilegatura a filo di refe, richiama i primi volumi delle opere hokusaiane editati a Edo in Giappone. Ma, soprattutto, evidenzia con chiarezza l’indirizzo dottrinario che l’autore ha inteso imprimere alla sua opera rendendola per un verso affascinante attraverso la ricchezza delle informazioni originali, delle segnalazioni e delle intuizioni, e per l’altro, privilegiando il contenuto concettuale presente nei disegni.
In due appendici, una dedicata ai chônin di Edo, l’altra al porto di Nagasaki e alle vicende del cristianesimo in Giappone, l’autore fornisce importanti cenni sui processi culturali e storici entro cui va inquadrata l’opera di Hokusai.
Senza salire in cattedra, egli ferma l’attenzione su questioni interpretative di contenuto, delinea, per questa via, una risposta a certi orientamenti accademici. Si toglie un piccolo capriccio (a 77 anni) permettendosi di citare due soli studiosi dei tanti presenti nella ricca bibliografia: quello di Edmond De Goncourt, autore di una monografia tradotta e pubblicata in Italia nel 1988 dalla Jaka Book e quello di Henry Foucillon col quale dichiara di concordare nell’aver individuato nella spiritualità la vera chiave di lettura divulgata dall’arte di Hokusai.

                                                                                                           

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: