GIAMPIERO BRUNELLI, GABRIELE VAILATI, FRANCESCO LODIGIANI ALLA 3SPACE2 DI LONDRA


GABRIELE VAILATI "autoritratto"

GABRIELE VAILATI
“autoritratto”

Sono meno di una ventina gli artisti italiani che l’agenzia d’arte forlinese “La Maya Desnuda, propone in questi giorni alla 3Space2 Gallery di Londra (18 Heneage Street, London nel quartiere di Brick Lane). Tra i diciassette selezionati figurano anche due artisti lodigiani e un cremasco operanti nel campo delle arti visive.. Si tratta del designer-vignettista e pittore Giampiero Brunelli, dell’illustratore e pittore Gabriele Vailati e di Francesco Lodigiani, che da poco ha chiuso con successo una sua personale al Centro San Domenico a Crema. Con loro sono Gisella Battistini, Felice Beltramelli, Roberto Carrieri, Nicola Falcone, Giovanni Grigolini, Stefania Nicolini, Pasquale Potestio, Ferdinando Ragni, Andrea Saltarelli, Arduina Santi, Roberta Sedocco, Mario Tasca, Glenda Tinti, Lello Zito. L’esposizione fa parte di un progetto-pretesto partito in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia e inteso a riportare l’attenzione dei partner europei su aspetti dell’arte italiana, col disegno di aprire ad essa nuovi mercati. Una operazione, dunque, di marketing, che non esclude tuttavia, in alcuni casi, risultati di matrice più strettamente creativa. Tra questi sono senz’altro da segnalare l’apporto qualitativo garantito dai due lodigiani e dall’artista cremasco, che non mancano, pur nella loro diversità, di dare testimonianza di un’arte costruita sulla ricerca, sulle variazioni, l’esperienza, le sensazioni, qualitativamente meritevole di attenzione e di apprezzamento. Pittore, scultore, grafico, interior designer, con studio in Orio Litta e residenza a Castiraga Vidardo, Giampiero Brunelli è artista dal gusto delicato in cui fa brillare sensibilità e poesia, immergendosi il più delle volte nella materia e nelle forme che registrano possibilità percettive e di coscienza. Nella sua produzione non mancano parentele intellettuali con correnti ricche di vibrazioni e tecnica delle epifanie, ma senza un corrispettivo esatto (o troppo rigido) nelle teorie delle arti visive. Gabriele Vailati, pittore, disegnatore, scultore,grafico, pratica il bisogno di saggiare e approfondire i confini del fare, utilissimi nel senso della riscoperta di una sorta di vitalismo vibrante di segni che cercano riparo nelle gelose certezze delle forme naturali. E’ un artista di umanità, interiorità, rimeditazione figurativa, dotato di capacità di esprimersi con pienezza anche quando mancano annunci e personalizzazioni, orientando il suo viaggio con meditata lentezza e affettuosa studiosità. Una pittura di emozioni invece quella praticata da Francesco Lodigiani, il cui pennello giostra con tonalità profonde e buie, in cui abbondano segni e graffi che deturpano sovrappposte tecniche. La sua è una procedura che risulta dalla “ stampa a getto solubile di inchiostro” e dalla sovrapposizione di immagini, con risultati poetici da cui trasuda pessimismo

Advertisements
Contrassegnato da tag , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: