VIAGGIO NELLE RIVISTE DI CULTURA, DI POESIA E DI UMORISMO


LacerbaOggi c’è una notevole dose di cautela quando si parla della parola cultura: di rapporto tra stampa e cultura, di proprietà culturale, di politica culturale, di critica culturale, di geografia culturale, di paesaggio culturale, di guerre culturali, di valore culturale, di mezzi di cultura, di produzione culturale. Probabilmente per colpa dell’uso e dell’interpretazione che se ne è fatta e se ne fa. In un mercato culturale estremamente segmentato com’è l’attuale, quale insegnamento possono darci le riviste di cultura, di letteratura e poesia, di umorismo del passato? Quale attenzione richiamano la loro fluidità e l’instabilità delle loro distinzioni? Quali implicazioni hanno avuto con i processi sociali, i processi storici, gli stili di consumo, i comportamenti? Quali storie di contatto e di contrasto rispetto al ruolo più ampio della stampa d’informazione hanno trasportato queste riviste con la loro miscela di approfondimenti, incomprensioni e opposizione ? A quali sviluppi hanno contribuito e quali ne sono stati influenzati, con quali legami e valori specifici con le classi dominanti o di opposizione?

Le domande che ci possiamo porre sono molte, in relazione anche al valore del vocabolario della cultura, il cui ventaglio di contesti si è talmente ampliato da abbattere le tante linee di confine esistenti ai tempi della vita di tante riviste. Stimolo e spinta a qualche approfondimento e a trovare una serie di caratteristiche condivisibili che consentano di riunire il ventaglio delle testate (alte, folk, di massa, popolari, umoristiche, regionali, ecc.) da alleggerire almeno l’ indifferenza cui i mutamenti dei percorsi culturali della stampa e delle geografie sembrano averle dimenticate, è implicito nella esposizione che si inaugura mercoledì 18 marzo all’I.I.S. al “Cesaris” di Casalpusterlengo. All’interno del ciclo “Cesaris per le Arti Visive”, a cura di Amedeo Anelli, si aprirà la 50e mostra dal titolo Prima navigazione.Il lampione riv Un viaggio nelle riviste di cultura, di poesia e d’umorismo, dal Caffè a Levania. In esposizione saranno originali e copie anastatiche di antologie, vignette e disegni delle riviste italiane di cultura ed umoristiche che hanno fatto o fanno la cultura europea. Dal «Caffè» e «La Frusta letteraria», al «Lampione», e al «Fischietto», «L’Arlecchino» e «Il Guerin Meschino», da «La Voce» a «Lacerba», a «La Ronda», «Il Frontespizio», «Il Primato», «La Riforma letteraria», «Il Travaso delle idee», «Il Selvaggio»; da «Campo di Marte» al «Politecnico», da «Paragone» ad «Alfabeta», alle in corso: «Incroci», «Poesia», «Kamen’», «Arenaria»… ecc… “Le riviste di cultura sono state e sono fra i pochi luoghi di pensiero attivo e di idee del Paese”, sostiene Amedeo Anelli. “Questa piccola rassegna vuole promuoverne la conoscenza e lo studio presso il pubblico più vasto, della cultura delle riviste e dell’apporto alla Cultura delle riviste. Un incoraggiamento, anche agli studiosi, perché senza la loro conoscenza è impossibile mettere mano ad una verosimile storiografia e storia degli ultimi secoli.”

Cesaris, Casalpusterlengo, via Cadorna: “Prima Navigazione” – Orari apertura: da lunedì a venerdì ore 8,00 – 17, 30; sabato ore 8,00 – 14,00. Festività escluse. Fino al 20 aprile

Advertisements
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: