SCAFFALE LODIGIANO. POESIE DI PIETRO TERZINI


TERZINI Poesie Scan_Pic0179Pietro Terzini è di quei lodigiani che amano accordare la propria attività professionale con l’esperienza ludica artistico-letteraria, la pratica della pittura in combinato con la poesia e la musica. Una passione partita da lontano, dal teatro musicale, poi lasciato per dedicarsi all’attività di psicologo e di psicoterapista. Da sempre abitante a Mairago, Terzini si è affermato tra i “creativi” nostrani oltre che per le rappresentazioni sceniche, per la poesia. Chiaroscuri diffusi, risale al 1991, Diario di uno psicologo di campagna è del 2012. Da pittore ha allestito mostre a Lodi e a Villa Barni a Dovera, e, recentemente, allo Spazio Arte Bipielle,. Quest’ultima mostra, in corrispondenza con l’uscita di Dirottamenti, un volume che antologizza 120 composizioni di cui una novantina già pubblicate e una trentina inedite, ha fatto convergere e avanzare la transizione tra concezioni e linguaggi ritenuti distanti tra di loro (pittura, poesia e musica). Una ricerca di convergenze che fa conoscere lo speciale rapporto intrattenuto da Terzini con la creatività. Per cosa? Per rafforzare vicendevolmente quello che il pittore e il poeta intendono dire, esprimere il soggetto, l’ispirazione.
Di Terzini non è facile dire, per i diversi aspetti nodali del percorso. In provincia, ci sono categorie di persone che “un pochino si somigliano”: l’intellettuale, lo snob, il dandy. Terzini si avvicina più a quest’ultimo, a uno che cerca la bellezza in profondità, senza assolutamente tirarsela.
Dirottamenti è una selezione nata con poco: un momento, un sentimento, un ricordo, una suggestione, un bisogno di esprimere, di capire il giorno, l’oggi, il presente, il passato…Liriche costruite su parole, ma non per le parole, non per il piacere e la libertà di giocare con esse, come spesso accade nella poesia contemporanea dove il più delle volte succede di non capirci niente. Nella poesia di Terzini tutto è chiaro, direi espositivo. Le composizioni sono fatte di constatazioni, elenchi di cose fatte e cose da fare, ma anche di propositi morali, di esortazioni, di saggezze. Non sono scorrette come possono essere quelle del filosofo che inganna il lettore con parole che sente per la prima volta.
I versi liberi di Terzini esprimono emotività, ma più che emozioni esercitano l’analisi dei comportamenti, commentano momenti di vita, cercano contatto. Non fanno ballare quartine, baciare rime, non seminano accostamenti di sillabe e vocali accentate e ripetizioni secondo la vecchia tradizione. Neppure cercano la regolarità metrica per far convivere l’enumerazione e l’inclusione di dati eterogenei da ricondurre a un’unica ragione nascosta. Sono insomma poesia libera. Che dimostra come con la poesia si può fare di tutto, anche la cronaca di un viaggio o di una giornata di vacanza, raccontare gli svaghi da bambino, rendere omaggio a un ciclista gregario ecc. Richiede solo lettura e un minimo di immaginazione.

E’ una poesia non obbligata nelle pratiche filologiche imparate a scuola. Il lettore è libero di affrontarla come il passare di una moviola, che smonta pezzo per pezzo. Non è destinato ad incontrare ossessivi ritornelli, movimenti ritmici e altre forme proverbiali. E’ una poesi che non tiene in ostaggio. Si può leggere e approfondire come una lente dettaglio per dettaglio. Soprattutto non cerca il palcoscenico. Non c’è montaggio, non c’è collage, non ci sono procedimenti e neppure i manifesti della nuova poesia. Il poetare di Terzini è lento, preferisce essere letto più che studiato.

 

Aldo Caserini

 

IL LIBRO: Pietro Terzini : 123 poesie (1991-2014 – Editrice Yucomprint, 2014, € 12,00)

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: