ENRICO SUZZANI, SCHIETTAMENTE ROMANTICO


Personale al Caffè Letterario di Lodi

Il pittore  Enrico Suzzani

Il pittore Enrico Suzzani

Con inaugurazione sabato 13 dicembre alle ore 17, al Caffè Letterario della Biblioteca Laudense (via Fanfulla, 3, Lodi) la Banca Centro Padana torna a riproporre Enrico Suzzani, pittore meditativo della nostra Bassa, lavoratore attivo, ordinato, dotato di una sua eleganza di mano, con spiccata tendenza ad escludere dai propri paesaggi ambienti e cose tutto ciò che sa di esplorazione, fantasia e invenzione. Pittura di genere e di maestria, dunque, la sua, di gusto borghese si sarebbe detta una volta, che da soddisfazione decorativa e forsanche simbolica e che trova eco in tanta pittura di scuola piena di paesaggio, luoghi, fiori, nature morte che ancora oggi corrisponde agli obblighi del “ben fatto” e del pensiero schiettamente romantico. Di questo artista della nostra Bassa, c’è poco o niente da aggiungere a tutto quel che si è già detto e scritto tante volte. Di abilità coscientemente coltivata, di sicura esperienza e validità Suzzani unisce doti specifiche di pittore con magnanimità, mosso da un sentimento sereno da creare suggestive descrizioni a volte persino enigmatiche nella loro verità e retorica. Cerca la poesia, e ci riesce, senza tuttavia abbagliare, con impressione diretta quando supera le costrizioni della routine. Con la maturità arriva a cogliere nella luce, nella stagione e nell’ora non solo effetti di tecnica franca, ma una visione essenziale distinta per forza lirica. Come si è visto al Soave, alla Chiesa dell’Angelo e alla Centro padana di piazza San Lorenzo, anche in questa uscita non saranno di certo i richiami a questo o a quel pittore, a questo o a quel momento della pittura, a catturare i consensi, ma i risultati sulla tela, il modo di dipingere. Quello di Suzzani è quello familiare, che abbiamo imparato a conoscere in tanti anni e che lo distinguono dalle estensioni di professionisti figurativi: la ricerca e la stabilità della forma, i rapporti tra colore e volume, tra colori e tono, tra tono e disegno; l’impegno ch’egli sa mettere nell’ordinare e organizzare in modo agile, morbido ed elegante la materia. E’ evidente che ha anche la sua idea e questa la si vede bene quando è sottratta all’illustrazione e tramutata dalla forma. Distinzione inevitabile perché in mostre come queste è quasi obbligo incontrare opere d’impegno e lavori di più leggera rappresentazione. La sostanza forte che Suzzani mette in forma non è tanto la meditazione lirica ma la capacità tecnica di rendere con gusto armonioso e a volte sottile, la realtà sia del paesaggio che delle cose. Tangibilità che dal punto di vista del consumatore contemporaneo del prodotto artistico hanno perso la magnificenza retorica di un tempo, ma mantengano ipotesi personali per l’artista. Una di queste è quella di conservare ad esse risalto sulla scena, poggiandosi soprattutto sul piacere della consapevolezza della propria abilità in termini di materia e tecnica nel dare corpo a una figurazione che permette d’essere goduta naturalmente.

 ENRICO SUZZANI : RACCONTI A COLORI – Caffè Letterario, via Fanfulla 3 Lodi – Inaugurazione   sabato 13 dicembre ore 17 – Dal 13 dicembre al 6 gennaio 2015

Annunci

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: