ALBERTO MARTINENGHI, la fotografia come mezzo di espressione


 

ALBERTO M ARTINENGHI

ALBERTO M ARTINENGHI

Alberto Martinenghi, è sulla breccia da alcune decine d’anni. Molti lo conoscono per l’interesse dedicato alla fotografia naturalista, con la quale ha realizzato un paio di volumi di fotografie. La concentrazione degli scatti fa cogliere l’ ordinata varietà della natura (fauna e flora), e lo specialista dell’immagine che conferma (se ce ne fosse ancora bisogno) come la fotografia può essere (è) uno straordinario strumento di conoscenza e di comunicazione.Martinenghi fotografo si è praticamente costruito da sé, da quando giovanissimo gli misero in mano una “viennese”, una Voigtlander, e lui iniziò a “cliccare” fino a padroneggiarne la tecnica; e, più tardi, imparò a servirsene e insieme a difendersi. Grazie a “Calicantus” che lo ha promosso con“Note invernali”, i lodigiani hanno preso confidenza con una serie di sue articolazioni iconiche.. Ma nel suo portfolio illustrativo e promozionale sono diversi comunque i temi affrontati. Riguardano i cubi del Data Center pavese di Eni Green, le istantanee di un concerto di Cocciante (Il gobbo di Nostre Dame), un reportage dall’Umbria e uno sui paesaggi fluviali, un concorso di body painting, una serie di ritratti di amici artisti: Secchi, Ferri, Razzini, Manca, Quadraroli eccetera. Questo autunno Martinenghi ha in programma una mostra con Franco Razzini alla Biblioteca Laudense: “London Town”: per Razzini sarà il replay della mostra di successo di una ventina di anni fa, per Martinenghi un esame e l’occasione di una verifica, un modo per lasciarsi alle spalle la fotografia naturalista e farsi riconoscere con il proprio marchio personale su altre immagini di altri soggetti.
Diciamolo: fotografare, oggi, è una cosa seria. L’evoluzione tecnica ha portato il prodotto a un livello che fino a ieri non si sarebbe potuto immaginare. La scatoletta coi suoi magici brevetti di automazione e digitalizzazione, imprigionata nello slogan egoista della civiltà dei consumi toglie dignità estetica all’intelligenza, esalta alla pigrizia intellettuale e all’apatia della ricerca. Per recuperare la dignità della creazione di cui essa è tramite alla pari di altri mezzi espressivi, richiede all’utilizzatore scelte culturali, di approfondimento, di lasciarsi prendere dall’ansia silenziosa della creazione.

ALBERTO MARTINENGHI: "Serenata", 2014

ALBERTO MARTINENGHI: “Serenata”, 2014

Nel curriculum di Martinenghi non c’è niente di inconsueto, niente di particolare, niente di improvvisato nelle operazioni. C’è forse qualche eccesso di pignoleria tecnica, nell’uso ottimale ch’egli fa degli strumenti.
Le esuberanze nella cura tecnica a volte ingabbiano la fantasia, non liberano l’immagine mentale ma quella presa in prestito dalla natura. Permettono fotografie ineccepibili, di qualità anche elevata che fermano lo sguardo su oggetti di per sé belli. Ma una bella immagine della cosa bella non distingue il “linguaggio” di un fotografo. Non occorre che l’oggetto sia bello perché sia bella una buona fotografia. Il possesso delle sole potenzialità espressive del mezzo (comune a molti bravi fotografi naturalisti) aggioga a ricercare immagini che anche se diverse sembrano poi tutte uguali. Che conservano l’evento nel tempo ma non partecipano ai processi evolutivi del linguaggio e del gusto, della poesia e della creatività estetica.
Dopo avere riservato interesse e passione agli abitanti della natura e alla natura stessa, Martinenghi ha sentito che era giusto spostare l’attenzione su tematiche diverse e quindi adottare un linguaggio diverso. Sostanzialmente, praticare una fotografia meno condizionata.
London Town con cui egli si metterà in mostra questo autunno alla Laudense dirà se vi è riuscito o vi sta riuscendo. E in quale misura Se la scelta di combinare la qualità della sua Canon con il senso della forma e dello stato d’animo, lo ha risolutamente spostato verso l’espressione. Da averlo tenuto lontano dall’ imponenza: il castello, i teatri, il ponte sul Tamigi, i palazzi vittoriani. Ma anche dagli effetti di Piccadilly, dalle nevrosi di “The Plaza”, dal turismo di Portobello, dal folcklore di Carnaby Street… permettendogli di liberare uno sforzo originale di comprensione della realtà. Spia di un diverso atteggiamento estetico rispetto alle scelte passate.

Advertisements
Contrassegnato da tag , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: