ANGELO BORGONOVO, SPIRITUALITA’ E PASSIONE DI CRISTO IN ARTE


ANGELO BORGONOVO

ANGELO BORGONOVO

Angelo Borgonovo, classe1958, radici in Brianza (Seregno) ma da un quarto di secolo adottato santangiolino, fa pensare a un chierico di Theotocopuli, a uno di quei modelli ecclesiastici allevati nel rigore della dottrina. Per certi tratti potrebbe richiamare un Aligi Sassu o un Fiorenzo Tomea autori di due splendidi mosaici nel Duolo di Lodi e nella chiesa di Metanopoli, entrambi artisti di grande sensibilità e spiritualità. Borgonovo è come loro personaggio grave e spinoso, poco duttile, riservato, lettore dei Salmi e dei Libri Carolini, dai quali ha appreso chissà quale virtù antica, e, come artista, una certa costanza di carattere per le scelte difficili. Maneggia con flessibilità il proprio stile: da una parentesi di realismo energico iniziale è passato all’uso sapiente del colore caricandolo di significati nascosti ( rosso, arancio e magenta in contrasto con i turchesi, i blu e i verdi); ha intrecciato al movimento visivo una gestualità di espressionismo astratto; alla ambiguità figurale ha unito un iconismo vibrante, mentre all’apoteosi del simbolo ha alternato una ricerca di effetti che, nei paesaggi danno un senso di distacco meditativo.
Nel suo percorso, non è difficile ritrovare insieme all’atteggiamento religioso un’attenzione alla sfera teologica del colore, con richiami a forme astratte integranti, interlocutrici, vive. Nel ciclo della Passione, il dato iconico e quello aniconico, della rappresentazione e dell’ astrazione, danno forza al martirio e alle tribolazioni del Cristo. Combinazioni e contaminazioni sviluppano la dinamica intrinseca del colore e delle forme, conferendo forte marcatura alle pene e ai tormenti del Dio fatto carne.

Particolare della mostra di Borgonovo a Crema

Particolare della mostra di Borgonovo a Crema

La tematica sacra è da Borgonovo affrontata sempre con severità e metodo critico. Non in senso apologetico o esegetico, ma in modo espositivo e comunque iridescente, ribollente di trasporto ed energia silenziosa. Un ànemos che avvolge, accarezza e penetra, rispettando la simbolica che è della tradizione.
Venticinque anni fa l’artista presentò al Museo diocesano di Arte Sacra sotto la spinta di don Quartieri una serie di acquerelli dedicata ai Salmi. Rifiutando la dimensione figurativa e affidandosi a un linguaggio “astratto”, diede emozione lirica ai 150 salmi del “salterio”, un’opera imponente in piena sintonia coi testi. Dopo il successo di pubblico e di critica, incomprensibilmente Borgonovo lasciò il proscenio laudense per ricomparire solo nel 2008 al “Viaggiatore” a Sant’Angelo con dei piacevolissimi paesaggi di gusto contemporaneo. Lo si ritroverà poi, nel 2012, nella vicina Crema, protagonista de “La natura per rinascere”. Non si può certo dire dunque che occasioni per documentare gli sviluppi della sua arte se ne siano presentate molte. Anche se l’artista non è proprio stato assente con l’attività dal lodigiano.
Diplomato maestro d’arte al Beato Angelico di Milano, e, in pittura, a Brera con Vedova, dopo un viaggio in India ed essere stato insignito dell’Ambrogino d’Oro Città di Milano ed essersi messo in luce all’Arengario, Borgonovo ha progettato e realizzato il portale in vetri artistici della chiesa Santa Cabrini di Codogno, nonché ha creato la vetrata del fonte battesimale nella stessa chiesa. Nell’arte del mosaico si è fatto apprezzare a Orio Litta dove ha animato l’oratorio con scene della vita di San Giovanni Bosco. Subito dopo è stato impegnato a creare una vetrata sul tema dello Spirito Santo nella chiesa di Vidardo e, l’anno dopo, ancora a Codogno, ha abbellito con un mosaico il fonte battesimale e il sarcofago di don Rizzardi nella chiesa di Santa Cabrini. Artista dal comportamento d’avanguardia, ispirato da una fondativa spirituale Borgonovo è propugnatore di una visione dell’arte che trova nella visione del Cristo la spinta per combattere il decadimento.

 

Advertisements
Contrassegnato da tag , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: