Teodoro Cotugno e Flavia Belò al Centro dell’Incisione di Milano


Patrizia Foglia presenta Teodoro Cotugno e Flavia Belò al Centro dell'Incisione di MIlano

Patrizia Foglia presenta Teodoro Cotugno e Flavia Belò al Centro dell’Incisione di MIlano

Prosegue al Centro dellì’Incisione dell’Alzaia Naviglio Grande di Milano la mostra “a due” di Teodoro Cotugno e Flavia Belò. Due artisti lodigiani che amano “naturalmente” la loro attività da dedicarle tempo, ricerca, discernimento, malgrado la crisi. La loro è una “buona stampa”, che l’amatore riconosce subito e che rappresenta nella essenza dell’immagine i caratteri dei due, lo spirito, il gusto, l’ intelligenza, la buona stoffa operativa al servizio della qualità. I loro sono lavori che si spiegano naturalmente, senza bisogno di chiavi particolari, perché frutto degli utensili, dei materiali e di una crescente (ancora oggi!) conoscenza. Oltre, naturalmente, che di una personale e particolare sensibilità lirica.
L’ esposizione al prestigioso Centro di Porta Genova procede con successo; si rinnova giorno per giorno, raccogliendo il consenso dei collezionisti, degli esperi e dei semplici visitatori, ingtrigati da opere di stampe che hanno il pregio di rendere visibile l’uomo nell’artista, attraverso le sostanze impiegate, lo studio della natura e delle cose, il modo di definire una pratica segnica rappresentativa e musicale, condotta con convinzione e pazienza.COTUGNO e BELO' Scan_Pic0136
L’allestimento curato da Gabriella Cerasico, insieme alla presentazione fattane dal critico e storico dell’incisione Patrizia Foglia ha messo in luce con la qualità delle stampe, il minuzioso ostinato e paziente operare dei lodigiani, il reale il visibile e il percettibile nei loro soggetti, nonché la potenza immaginativa infusa che è fonte di quest’arte suggestiva chiamata acquaforte.
La calcografia, o meglio, l’incisione in generale, è oggi in grave pesante crisi di abbandono. Le ragioni si sono dette più volte. Non sono addebitabili, almeno non tutte, agli artisti, ma a coloro che hanno fatto della stampa originale dell’arte “marchetta”, dimenticando l’etica e tutte le regole conseguenti.
La “stampa” è una impronta su carta, una impronta unica moltiplicata, che esige nell’essere tirata l’intervento diretto o quanto meno la presenza di un artista-incisore, perché la lastra, si sa, una volta incisa lascia ogni favorevole libertà a chi la stampa. Da ciò deriva la diversità delle copie, che presuppongono una scelta, il piccolo numero, la rarità, la biffatura della lastra. Caratteristiche che contrassegnano le proprietà dei fogli firmati da Teodoro Cotugno e Flavia Belò, insieme alla ricchezza di idee, di esplorazioni e di soggetti.
Al Centro dell’incisione i due si erano già fatti apprezzare per le convinzioni e le qualità grafiche ed oggi li confermano con gli ulteriori risultati acquisiti, elevando l’asticella di quella espressività artistica che in Italia è riconosciuta alla loro produzione.

 

Flavia Belò e Teodoro CotugnoAcqueforti e puntesecche – Centro alzaia Naviglio Grande – Finoe al 5 maggio 2014 – Centro dell’incisione Alzaia Naviglio Grande a cura di Patrizia Foglia – Orari da martedì al sabato ore 16-19 – La domenica dalle 9 alle 19

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

One thought on “Teodoro Cotugno e Flavia Belò al Centro dell’Incisione di Milano

  1. teodoro.cotugno@libero.it ha detto:

    Grazie Aldo, come sempre ottimo testo. A presto, Rino

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: