LELE CORVI. VIGNETTE QUOTIDIANE PER INDAGARE IL SENSO QUOTIDIANO


DSC08352Sarebbe un abbaglio scambiare la mostra di Lele Corvi al Cesaris di Casalpusterlengo per uno sfoggio di snobismo o di mestiere, di quelle cui ci hanno abituato illustratori e pittori del nostro tempo.
Con una selezione di immagini e nuvolette, fatte di omini anonimi che animano la scena, l’iniziativa fa onore ai venti anni di attività del disegnatore codognese e fornisce chiarezza al ruolo del vignettista oggi; ovvero di chi affida alla matita (al pennarello, alla penna, alla china, all’incisione, alla tavoletta grafica ecc.) osservazioni in chiave non esclusivamente di divertimento attorno a fatti, misfatti, empietà, dichiarazioni quotidiane…
“Vignetta” è un termine tecnico del fumetto, dove tutto si risolve in una inquadratura sola. Negli ultimi decenni anche la vignetta come l’illustrazione si è evoluta in un genere, tanto che al punto attuale non fatica a tenere distinta ironia a satira.
Obiettivo di un vignettista, non è più semplicemente la canzonatura o la caricatura, è la critica.  La satira non è più semplice espressione ironica o scherzosa, anche se sono molti i vignettisti che si prestano alle forme di comicità amena, arguta, spiritosa. Corvi non è comunque di questi. O almeno a noi non pare, benché talvolta non vi rinunci.
L’umorismo è una componente del suo linguaggio, ma la capacità d’analisi lo obbliga a praticare tutt’altro genere; ad andare al di là delle semplici frecciatine e punzecchiatura. A procurare con le sue nuvolette fastidio. Senza farlo in modo spregiudicato o grottesco.
Le sue vignette, come dimostra questa mostra casalese,  sollecitano la risata, ma ancor più stimolano idee e giudizi. E questo che lo distingue da altri. I suoi interventi sul Corriere, il Cittadino, Il Corriere Artigiano hanno il timbro dell’ironia. Ma Corvi non si ferma ad essa. L’ironia è bonaria. Il suo fine è far ridere. E’ situazionale. Deforma consegnandola all’enfasi non alla critica. Come sosteneva Pontiggia, è una forma retorica. Corvi va oltre, non si ferma all’effetto, manifesta la propria intenzione di contrasto, di polemica. L’andare controcorrente.
Lo stile è consacrato: due personaggi senza volto che dialogano, l’uno che pone il problema, l’altro che fornisce osservazioni critiche su fatti, misfatti, empietà o solo dichiarazioni, e che vivacizzano il  Crow’s Village.
In molti vignettisti è evidente il bisogno di caricare, deformare, andare oltre alle intenzioni altrui per una propria personale volontà di schierarsi e di polemizzare. Non esitano a spogliare gli sventurati presi di mira d’ogni qualità, virtù e ragione. Soprattutto nelle vignette di satira politica, c’è sempre, diceva il surrealista Edward Gorey, una “sottile crudeltà”. In Corvi la polemica può essere severa, mai spietata. La sua satira, proprio perché punta a canzonare, irridere, schernire e  incidere, non si avvale del paradossale. Dovendo affrontare un universo di situazioni come quelle quotidiane, se rinunciasse all’imparzialità, rinuncerebbe a sé stessa. Sa però nascondere bene l’uso strumentale. Tutto sommato, solo raramente si concede a qualche “crudeltà”.
Quel che mostra è uno stile spontaneo, espansivo e nello stesso tempo misurato La sua ironia è pungente, saporita senza essere troppo pepata. Sa bene Corvi come rigirare il coltello nelle piaghe, fermandosi alla nota simpatica, a un sarcasmo canzonatorio e rivelatore. Ma non rinuncia mai  all’analisi (politica, sociale, etica, sportiva e di costume). Dal quotidiano coglie l’ eterodossia dei fatti. A modo suo è un saggista che fa sintesi coi suoi omini: rivelando, denunciando ciò che sta dietro, prendendo in giro e divertendo fornisce nei disegni il senso del rapporto della società e degli individui col mondo.

Annunci
Contrassegnato da tag

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: