AMEDEO ANELLI/Poesia


  

CERCARE IL FUTURODELLA POESIA

NELLA “POESIA DI PENSIERO”

 Al poeta ancora oggi si domanda cosa o chi lo spinga a prendere la penna in mano. Ci fosse da qualche parte un Omero la risposta sarebbe sicura, almeno quanto quella messa in bocca a Femio nell’Odissea (XXII, 347-48): “…nessuno mi insegnò l’arte ma un Dio tutti i canti mi ispirò nel cuore”.
Il poeta dunque “trascrive” ?  Riporta, registra, annota la voce di un qualche dio che suggerisce l’argomento, il tono e i confini del  canto ? 
Ci sarebbe quanto meno da sorridere, dato il contesto attuale, pieno zeppo di  forme (e formule) esaurite di poesia. Di un tal genere  non c’è traccia nei territori della così detta “natività” poetica, le riviste di poesia.
Kamen’, che è una rivista di “pietra” non solo nel titolo ma nell’impostazione e nel percorso, in vent’anni di ricognizioni di poeti e di poetiche non s’è mai fatta sedurre da una simile ambizione. Tanto meno  il suo fondatore e direttore Amedeo Anelli, che ha sempre avuto cura di connotarla con argomenti  di “contenuto” e con un’unica preoccupazione critica: “ cambiare il cambiamento”.
Anelli ne parla un po’ dovunque. Tradotto di recente in sloveno e raggiunto i dalla notizia di una sua prossima traduzione in spagnolo, non gtfralascia occasione  per illustrare idee e concetti  che supportano una poesia di pensiero  con l’obiettivo di dare forza all’idea stessa di poesia. Per portare il discorso fuori dalle paludi dell’accademia e dei linguaggi iperspecialistici, e dare fiato alla necessità di una poesia fatta di programmaticità razionale, legata a un io esistenziale e storico, rivelatore di senso non solo privato. Compendiando l’idea di una poesia vissuta non come privilegio o slogan, ma come compito. Che è poi quello che Kamen’ mette di fronte al lettore ogni numero, soffermandosi su voci pensanti come quelle fra natura e storia di Giampiero Neri; di visione scientifica di Pier Luigi Bacchini; di tensione tragica di Remo Pagnanelli; di “moralità” di Guido Oldani; di attenzione metafisica di Sandro Boccardi, rilanciando  il magistero di Dino Formaggio, di Carlo Dionisotti e di Giuseppe Pontiggia; coinvolgendo nelle tradizioni dell’Europa i poeti Boye, Trotzig, Lainà, Christensen, Koziol, Vulcevic, Brines, Helder, Ramos Rosa…; arricchendo con apporti spiccatamente filosofici e “culturologici”,  i saggi rivitalizzanti di Dante Filippucci, gli aforismi di Edgardo Abbozzo, le escursioni estrose di Giuseppe Pontiggia e altri.
L’esigenza di una “poesia di pensiero”, sembra oggi piuttosto marginale nel dibattito letterario “ufficiale”. Non da essere trascurato dallo studioso lodigiano,  che lo aveva  affrontato nel suo libro  ”Novanta. Verso un’arte di pensiero” (Ed. C:R:T:, Pistoia, 1999),  fronteggiando percorsi non sempre piani.
Dopo le macinate declinazioni del nostro secolo che hanno spostato di senso gli enigmi e gli stupori della poesia che cosa si deve intendere per poesia di pensiero?  Per noi è più facile immaginare ciò che non dovrebbe essere la poesia: sfuggire all’approfondimento del proprio rapporto con la tradizione, essere priva di senso architettonico, mancare di progettualità a lungo respiro, rimuovere le verità, costruirsi sulla semplice techne, sulla futilità, l’astuzia, l’artificio. Affidarsi all’indecifrabile…
La poesia di pensiero, come quella di Leopardi, Rebora, Noventa, Michelstaedter, Quadrelli, Gatto, Turoldo e di altre aree culturali, è una maniera di implicarsi con la filosofia e con la realtà. Serve ad andare oltre alle zampate linguistiche e a dare una risposta alla latitanza della cultura del nostro tempo.

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: